Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Politica & Palazzo > Governo, Alfano...

Governo, Alfano avverte il Pd: “Se propone nozze gay, ce ne andiamo”

Il leader del Nuovo Centrodestra si dice pronto a "fare scudo" al riformismo di sinistra. E definisce il Jobs Act del segretario democratico "la stessa zuppa di sempre". Sulla legge elettorale, invece, il vicepremier parla di "apertura a Renzi", puntando a chiudere l'iter alla Camera nella prima settimana di febbraio

Angelino Alfano

Angelino Alfano usa, ancora una volta, le unioni omosessuali per frenare l’esuberanza del Pd. “Se propongono il matrimonio gay, ce ne andiamo un attimo prima a gambe levate denunciandolo all’opinione pubblica”, ha dichiarato il leader del Nuovo Centrodestra, che aveva già frenato Matteo Renzi sull’ipotesi di inserire le unioni civili nel patto di coalizione. E ancora, il vicepremier rintuzza l’attivismo del segretario democratico anche sul suo piano del lavoro: “Job act is the same old soup, è la stessa zuppa di sempre“. Ma apre uno spiraglio sulla legge elettorale, tema molto caro al sindaco fiorentino, puntando a chiudere l’iter alla Camera nella prima settimana di febbraio.

Nessuna apertura, invece, su nozze omosessuali, cannabis e immigrazione. “Siamo al governo per fare scudo a delle cose che la sinistra farebbe se non ci fossimo noi”, precisa il vicepremier. “Se non ci fossimo noi, la sinistra riterrebbe normale legalizzare la canna, i matrimoni gay, le adozioni dei gay e frontiere libere agli immigrati. Questo è il riformismo di sinistra. Noi siamo dall’altra parte”. Alfano ribadisce così i valori che animano il suo movimento: “Io non sono affezionato al termine ‘moderati’, sono affezionato al sistema di ideali e valori e i nostri valori sono quelli per cui la società è precedente allo Stato e i diritti non li concede lo Stato ma vengono prima”.

Ma se sulle nozze gay il vicepremier è pronto alla battaglia, riguardo alla legge elettorale sembra tendere la mano al Pd, che preme per un approdo del provvedimento alla Camera entro gennaio. “Ci va bene un’agenda dei tempi della legge elettorale che chiuda il percorso alla Camera nella prima settimana di febbraio“. Alfano parla esplicitamente di “apertura a Renzi“: “Ci fidiamo e siamo convinti che non userà l’approvazione rapida della legge per tornare al voto”. E smentisce l’accusa, avanzata da alcuni parlamentari Pd, che il Nuovo Centrodestra voglia tardarne l’approdo in Aula: “Non so da dove il Pd abbia tratto la convinzione” che Ncd voglia prendere tempo.


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. È necessario attenersi ai Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Ti comunichiamo inoltre che tutti commenti andranno in pre moderazione e che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione