Angelino Alfano usa, ancora una volta, le unioni omosessuali per frenare l’esuberanza del Pd. “Se propongono il matrimonio gay, ce ne andiamo un attimo prima a gambe levate denunciandolo all’opinione pubblica”, ha dichiarato il leader del Nuovo Centrodestra, che aveva già frenato Matteo Renzi sull’ipotesi di inserire le unioni civili nel patto di coalizione. E ancora, il vicepremier rintuzza l’attivismo del segretario democratico anche sul suo piano del lavoro: “Job act is the same old soup, è la stessa zuppa di sempre“. Ma apre uno spiraglio sulla legge elettorale, tema molto caro al sindaco fiorentino, puntando a chiudere l’iter alla Camera nella prima settimana di febbraio.

Nessuna apertura, invece, su nozze omosessuali, cannabis e immigrazione. “Siamo al governo per fare scudo a delle cose che la sinistra farebbe se non ci fossimo noi”, precisa il vicepremier. “Se non ci fossimo noi, la sinistra riterrebbe normale legalizzare la canna, i matrimoni gay, le adozioni dei gay e frontiere libere agli immigrati. Questo è il riformismo di sinistra. Noi siamo dall’altra parte”. Alfano ribadisce così i valori che animano il suo movimento: “Io non sono affezionato al termine ‘moderati’, sono affezionato al sistema di ideali e valori e i nostri valori sono quelli per cui la società è precedente allo Stato e i diritti non li concede lo Stato ma vengono prima”.

Ma se sulle nozze gay il vicepremier è pronto alla battaglia, riguardo alla legge elettorale sembra tendere la mano al Pd, che preme per un approdo del provvedimento alla Camera entro gennaio. “Ci va bene un’agenda dei tempi della legge elettorale che chiuda il percorso alla Camera nella prima settimana di febbraio“. Alfano parla esplicitamente di “apertura a Renzi“: “Ci fidiamo e siamo convinti che non userà l’approvazione rapida della legge per tornare al voto”. E smentisce l’accusa, avanzata da alcuni parlamentari Pd, che il Nuovo Centrodestra voglia tardarne l’approdo in Aula: “Non so da dove il Pd abbia tratto la convinzione” che Ncd voglia prendere tempo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Whistleblowing, il M5S promuove la denuncia dei reati

prev
Articolo Successivo

Cannabis, Lorenzin: “Contraria alla legalizzazione. Porterebbe danni estremi”

next