Dal palco allestito in piazza Dante dal meet-up di Trento il leader del M5S Beppe Grillo tuona contro Giorgio Napolitano: “Ha incontrato Pd e Pdl per parlare di legge elettorale, e a noi che rappresentiamo nove milioni di italiani nessuno ha detto nulla”, attacca. E promette: “Ai nostri avvocati abbiamo già dato il mandato di chiedere l’inpeachment di un Capo dello Stato che dopo il porcellum prepara il ‘napolitanellum’”. In trentino per la chiusura della campagna elettorale per le provincie autonome di Trento e Bolzano, il leader cinquestelle si scaglia contro quella che definisce una “cospirazione per escluderci dal voto alle prossime europee”. E ancora: “Sanno che se ci piazziamo bene in Europa andremo a ridiscutere tutti i trattati che hanno firmato in questi anni”. Poi, a margine del comizio, Grillo rincara la dose di fronte alla stampa: “E’ ora di finirla che un uomo di ottantotto anni tenga questo comportamento antidemocratico. Per sedersi a discutere con chi? Con Quagliariello? Non lo permetteremo”. In serata il Quirinale ha fatto sapere che sul tema incontrerà anche le opposizioni  di Franz Baraggino