Siamo molto d’accordo con Barbara Spinelli e il suo dire dalle pagine del “Il Fatto Quotidiano” di oggi attraverso una sua intervista molto puntuale.

Solo un forte ricatto può aver determinato quella situazione politica a cui abbiamo assistito in questi ultimi giorni.

Non sappiamo nulla di altri casi legati a probabili ricatti, sappiamo invece molto del caso Via del Georgofili, 27 Maggio 1993 e i fatti dicono che solo una forte pressione dall’alto può aver nascosto la verità tutta fino ad oggi.

La nostra sete di verità è scattata fin dalle prime udienze dei processi di Firenze, e dobbiamo dire che quando il 12 Giugno 1996 siamo andati alla udienza preliminare del processo per le stragi del 1993, il pensiero fra di noi era unanime :

Questa volta governano coloro che hanno sempre condannato le stragi e quindi avremo la verità finalmente.

Non è stato così, di verità ne abbiamo avuta una parte, quella relativa ai mafiosi, agli uomini di “cosa nostra”, quando si è trattato di individuare le responsabilità dei cosiddetti “ALTRI” collusi con la mafia tutto è stato destinato all’archiviazione.

Perché?

Oggi dopo 20 anni facciamo coro a Barbara Spinelli, perché da troppo tempo noi sosteniamo che solo una classe politica sotto ricatto può aver fatto da beta bloccante a quella verità che inseguiamo dal 12 Giugno 1996.