Come ci si sente ad indossare un paio di occhiali connessi con noi stessi e con gli altri attraverso internet?

Google risponde a questa domanda pubblicando un video che presenta alcune emozionanti riprese effettuate attraverso l’occhio dei propri Glass, gli occhiali intelligenti dell’azienda di Mountain View, i quali rappresentano il primo vero progetto che eleverà attività comuni allo stato della realtà aumentata.

Per suscitare l’interesse e la curiosità di chiunque, Google ha pensato bene di far notare che i Glass possono essere utilizzati in qualsiasi contesto: sport estremo, un saggio di danza, durante la partenza in aeroporto, un festa in famiglia, un avvenimento importante.

Quel che sembra a primo impatto è che Google Glass sia solo un progetto pensato per il divertimento e il tempo libero. In realtà i campi d’utilizzo degli occhiali di BigG sono i più vasti. Anche un medico, tanto per fare un esempio, potrebbe avere subito accesso a molte informazioni sul paziente che ha davanti, consultare la cartella clinica o effettuare una veloce ricerca nel proprio archivio.

Attraverso i Google Glass quindi si potrà guardare il mondo con i propri occhi supportati dal piccolo display degli occhiali, infatti sono in grado di fornire informazioni in diretta e di ricevere comandi vocali come ad esempio scattare un’istantanea di ciò che si sta osservando (“Ok Glass, take a picture”), fare una ricerca su internet, effettuare un hangout con un gruppo di amici o familiari, o aggiornare il proprio status sul profilo di Google+, il social network di Mountain View. Ma non solo.

Google Now

Nel video con cui Google ha praticamente presentato al mondo le prime esperienze di realtà aumentata, si nota l’implementazione del servizio Google Now entrato a far parte già del mondo Android dall’uscita della versione 4.1 denominata Jelly Bean.

In sostanza si tratta di un assistente che in base alla posizione attuale, le ultime ricerche effettuate e le impostazioni prescelte col proprio account google, richieste vocali, propone informazioni e suggerimenti grazie ai vari servizi forniti sempre da BigG. Ad esempio il tempo di percorrenza per il ritorno a casa in base al traffico attuale, se il volo prenotato è in ritardo, ecc. Google Now è quindi destinato a crescere e ad implementare sempre nuove funzionalità. L’integrazione coi Glass sembra rappresentare il vero motivo per cui questo servizio abbia bisogno di essere arricchito.

Il concorso

Con la pubblicazione del video Google ha avviato un concorso per poter ricevere gli occhiali. Si tratta di un contest scaduto il 27 febbraio dal quale verranno selezionati solo in pochi sviluppatori, ma che siano residenti negli Stati Uniti e maggiorenni.

Per partecipare bisognava innanzitutto seguire ProjectGlass su G+ o Twitter e successivamente specificare il proprio progetto (fino ad un massimo di tre) con non più di 50 parole inviando un messaggio con l’hashtag #ifihadglass. Al tweet si potevano allegare 5 foto e un video di massimo 15 secondi.

Il premio

Chi verrà scelto avrà l’opportunità di acquistare un paio di Glass al prezzo di 1500 dollari. Non è un regalo, ma uno sviluppatore con un’idea originale da implementare potrebbe investire quel denaro per la propria start-up.