Rubò e diffuse le foto osé che Scarlett Johansson si era scattata e che erano destinate all’allora marito. L’hacker, che si introdusse nella posta elettronica dell’attrice, dovrà scontare a Los Angeles a 10 anni di galera, come scrive il ‘Los Angeles Times’.

Il giudice James Otero ha condannato Christopher Chaney, 35 anni, che nel marzo scorso si era dichiarato colpevole delle accuse a suo carico. L’uomo, che all’inizio aveva negato le accuse, era stato arrestato nell’ottobre del 2011 dopo essere stato scoperto dagli esperti dell’Fbi. Il magistrato statunitense ha spiegato che l’imputato, disoccupato e residente a Jacksonville (Florida), entrò non solo nella posta elettronica della Johansson, ma anche della cantante Christina Aguilera, dell’attrice Mila Kunis e di Renee Olstead dal novembre 2010 all’ottobre 2011.

Chaney, che era stato incriminato con 28 capi di accusa relativi al reato di hackeraggio, ha detto: “Non so cos’altro potrei dire se non che mi dispiace, a parte che non succederà più”. Chaney è stato inoltre condannato a pagare 66.179 dollari di indennizzo alle vittime. La pubblica accusa aveva chiesto 71 mesi di prigione a fronte di una pena massima di 60 anni. “Quando mesi fa sono venuti a prendermi il computer mi sono sentito quasi sollevato. Chiedo profondamente scusa. So che quello che ho fatto probabilmente è stata una delle peggiori invasioni della privacy”. Le tre immagini della Johansson che sono state diffuse online mostravano le foto che l’attrice di “Lost in Traslation” si era scattata davanti allo specchio. Queste istantanee, ha spiegato, avevano come unico destinatario il marito, l’attore Ryan Reynolds.