Rubò e diffuse le foto osé che Scarlett Johansson si era scattata e che erano destinate all’allora marito. L’hacker, che si introdusse nella posta elettronica dell’attrice, dovrà scontare a Los Angeles a 10 anni di galera, come scrive il ‘Los Angeles Times’.

Il giudice James Otero ha condannato Christopher Chaney, 35 anni, che nel marzo scorso si era dichiarato colpevole delle accuse a suo carico. L’uomo, che all’inizio aveva negato le accuse, era stato arrestato nell’ottobre del 2011 dopo essere stato scoperto dagli esperti dell’Fbi. Il magistrato statunitense ha spiegato che l’imputato, disoccupato e residente a Jacksonville (Florida), entrò non solo nella posta elettronica della Johansson, ma anche della cantante Christina Aguilera, dell’attrice Mila Kunis e di Renee Olstead dal novembre 2010 all’ottobre 2011.

Chaney, che era stato incriminato con 28 capi di accusa relativi al reato di hackeraggio, ha detto: “Non so cos’altro potrei dire se non che mi dispiace, a parte che non succederà più”. Chaney è stato inoltre condannato a pagare 66.179 dollari di indennizzo alle vittime. La pubblica accusa aveva chiesto 71 mesi di prigione a fronte di una pena massima di 60 anni. “Quando mesi fa sono venuti a prendermi il computer mi sono sentito quasi sollevato. Chiedo profondamente scusa. So che quello che ho fatto probabilmente è stata una delle peggiori invasioni della privacy”. Le tre immagini della Johansson che sono state diffuse online mostravano le foto che l’attrice di “Lost in Traslation” si era scattata davanti allo specchio. Queste istantanee, ha spiegato, avevano come unico destinatario il marito, l’attore Ryan Reynolds.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marò, permesso natalizio? il governo indiano non si oppone, ma la Procura sì

prev
Articolo Successivo

Licenziata da McDonald’s per aver messo “troppo gelato”. Lavoratrice vince causa

next