Mentre in Parlamento si discute della misura sul ‘contrasto di interessi’, per rendere “scaricabili” fatture e scontrini, l’Agenzia delle Entrate ha messo a punto il redditometro, dispositivo che permetterà di incrociare i dati fra tenore di vita e dichiarazione dei redditi. Servirà a contrastare l’evasione fiscale o si rivelerà un’ulteriore complicazione per la vita delle persone? “Uomo da marciapiede” lo ha domandato ai passanti di Milano. Molti vedono nel redditometro un incentivo alla trasparenza. Altri giudicano il provvedimento inadeguato a colpire i grandi evasori. E voi come la pensate? Dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese e montaggio di Francesca Martelli