Per il momento non ci sarebbero indagati nell’inchiesta aperta sui contratti di alcuni calciatori del Calcio Napoli. Stamattina le Fiamme gialle hanno acquisito documenti nelle sedi della Figc a Roma e del Calcio Napoli a Castelvolturno (Caserta). Gli investigatori avrebbero puntato le loro attenzioni in particolare sui contratti di acquisto di due calciatori: quelli relativi alle procedure della cessione di Ezequiel Lavezzi, detto ‘el Pocho’ e passato quest’estate al Paris Saint Germain, e di Cristian Chavez, anch’egli sudamericano e ora nella seconda serie argentina. Entrambi hanno lo stesso procuratore, Alejandro Mazzoni.

L’indagine è coordinata dai pm della Sezione Reati da stadio della Procura guidata dal procuratore aggiunto Melillo e dai pm Ardituro, Capuano, De Simone e Ranieri. I magistrati hanno disposto l’acquisizione di bilanci, contratti degli atleti tesserati, mandati ai procuratori, modelli depositati presso la Federazione, garanzie e pagamenti relativi agli ingaggi dei calciatori professionisti. Da quanto si apprende, hanno anche ordinato alle fiamme gialle di far visita alla sede della Filmauro, il colosso cinematografico di Aurelio De Laurentiis, che è anche presidente del Napoli. 

“La contrattualistica del calcio Napoli – ha affermato Mattia Grassani, legale della società – sia per il rapporto sportivo che per la cessione dei diritti d’immagine dei calciatori, è dall’inizio della presidenza di De Laurentiis, sempre stata condotta in maniera rigorosa e nel pieno rispetto delle norme sportive e statuali vigenti e portando a termine tutti gli adempimenti fiscali e contributivi”. “Infatti non si è trattato di acquisizioni particolarmente onerose, ma di atti depositati anche in Lega Calcio e verificati dalla Covisoc e dai consulenti esterni della Deloitte. Sono quindi atti e documenti alla luce del sole”.