Come previsto ed era prevedibile. E’ arrivato il via libera all’ammissibilità del conflitto sollevato dal Quirinale contro i pm di Palermo sulle intercettazioni che coinvolgono il Capo dello Stato. Lo ha deciso la Corte Costituzionale che esaminerà la questione nel merito nei prossimi mesi. Le intercettazioni, disposte nell’ambito dell’inchiesta sulla presunta trattativa Stato-mafia, riguardano indirettamente Giorgio Napolitano, che parla al telefono con l’ex ministro dell’Interno Nicola Mancino, su cui pende una richiesta di rinvio a giudizio per falsa testimonianza. Dodici le cause a ruolo oggi per la Corte: la penultima iscritta era quella che riguarda il Capo dello Stato. 

Oggi la Corte Costituzionale doveva decidere solo sull’ammissibilità, cioè doveva verificare se il ricorso aveva i requisiti oggettivi e soggettivi perché si possa passare, nelle prossime settimane, all’esame nel merito: i giudici, in questo primo vaglio, devono stabilire se Quirinale e Procura sono poteri dello Stato e se il conflitto è fondato. Due i giudici che hanno l’incarico di relatori: Gaetano Silvestri e Giuseppe Frigo, il primo eletto nel giugno 2005 su indicazione del centrosinistra, il secondo nell’ottobre 2008 su proposta del centrodestra.

L’esame nel merito della questione si svolgerà in tempi rapidi: la Corte, infatti, avrebbe l’intenzione di dirimere al più presto il nodo dell’intercettabilità del Capo dello Stato. Nel ricorso, firmato dagli avvocati dello Stato, Ignazio Francesco Caramazza, Antonio Palatiello e Gabriella Palmieri, si chiede alla Corte Costituzionale di sancire che “non spettava ai pm di Palermo omettere di distruggere le intercettazioni del Presidente”. Questo, sulla base di quanto previsto, in particolare, dall’articolo 90 della Costituzione, che stabilisce che “il Presidente non è responsabile degli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni, tranne che per alto tradimento o per attentato alla Costituzione”. Tesi che, secondo gli avvocati dello Stato, sarebbe confermata anche dall’articolo 7 della Legge 219/1989.

Le telefonate al Presidente sono state registrate intercettando le conversazioni telefoniche dell’ex ministro Mancino, la cui utenza era stata messa sotto controllo su mandato dei magistrati palermitani, e le registrazioni non sono state distrutte. Il Presidente della Repubblica, ritenendo lese le proprie prerogative garantite dall’articolo 90 della Costituzione, ha promosso un ricorso alla Consulta. La Procura di Palermo sostiene invece che per procedere alla distruzione delle intercettazioni è necessaria, in base al codice di procedura penale, un’apposita udienza, in contraddittorio, davanti al gip.

”Non siamo sorpresi. La valutazionedi ammissibilità è un passaggio processuale, serve a stabilire se ci sono i presupposti astratti del conflitto di attribuzione. Ma non ha nessuna incidenza su fondatezza dei contenuti, quindi sul ricorso” ha detto il procuratore di Palermo Francesco Messineo. “La questione – ha aggiunto – sarà adesso analizzata nel merito, sarà esaminata nei dettagli, ancora la vicenda è tutta da decidere. Vedremo cosa succederà nell’udienza che ha fissato la Corte. Lì si capirà davvero qual’è l’orientamento dei giudici”. Per Messineo “si tratta di una valutazione solo formale, se astrattamente sussistono i presupposti, non significa che dall’analisi della vicenda non possa emergere con chiarezza che il nostro operato è stato corretto”.

“Andiamo avanti nel nostro lavoro, nell’inchiesta e nel processo. Siamo convinti di avere agito nel pieno rispetto della legge in vigore” ha commentato il pm di Palermo Nino Di Matteo, uno dei magistrati del pool che si occupa dell’inchiesta sulla trattativa tra Stato e mafia. I pm adesso dovranno stabilire se difendersi da soli, come pure è teoricamente possibile, o se nominare gli avvocati costituzionalisti, ammessi a patrocinare davanti alla Consulta, con i quali sono gia’ stati presi contatti nelle scorse settimane.