“Speriamo di avere delle delucidazioni a riguardo. Sarà vero che tutte le redini sono mosse da Casaleggio?”. Sono migliaia i commenti sui social network intorno al fuori onda di Giovanni Favia, il consigliere del Movimento 5 Stelle dell’Emilia Romagna che ieri sera in un fuori onda ha usato parole forti nei confronti del guru della comunicazione di Beppe Grillo. Sul profilo twitter e facebook del comico genovese non c’è traccia di post o status sulle dichiarazioni, ma è Casaleggio stesso a firmare la replica alle parole di Favia sul blog: “Né io, né Beppe Grillo abbiamo mai definito le liste per le elezioni comunali e regionali. Né io, né Beppe Grillo, abbiamo mai scritto un programma comunale o regionale. Né io, né Beppe Grillo abbiamo mai dato indicazioni per le votazioni consigliari, né infiltrato persone nel MoVimento Cinque Stelle”.

Poche righe che a tanti simpatizzanti, però, non bastano. “Deboluccio questo post. Dice in sostanza Casaleggio : “Mi dovete credere perché mi dovete credere…”, commenta Fabrizio insieme ad altre decine di internauti per niente soddisfatti della breve replica. Nel mirino c’è la piattaforma online promessa nel Non Statuto e mai realizzata. Quella che, in sostanza, dovrebbe essere il tavolo di confronto aperto per una gestione democratica e condivisa del movimento. “Fino a quando non avremo il portale ed un organo di giudizio trasparente, non ci sarà una vera democrazia”, osserva Enrico. Nelle decine di repliche al post gli utenti chiedono che “Casaleggio si manifesti” e che Favia, per quanto si possa essere in disaccordo con quanto ha dichiarato “off the record”, ha comunque sollevato un “problema importante”.

Online, nelle pagine del Movimento e dei meetup, c’è chi si schiera col consigliere emiliano e chi invece lo accusa di “sputare nel piatto dove mangia”. Altri ancora che ritengono abbia parlato troppo tardi. In molti altri commenti però affiora il desiderio di capire chi sia “realmente” Gianroberto Casaleggio e quale sia il suo ruolo. “Chissà se finalmente con l’uscita di Favia a microfoni spenti, Beppe con Casaleggio decidono davvero di farsi da parte – scrive Nicola– o comunque parlare o fare i leader come hanno fatto fino adesso e dire che pure Favia era un infiltrato e non discutere del problema”. Ma sono in tanti a sollecitare un intervento del blogger che faccia chiarezza: “Beppe parlaci di quello che è successo con Giovanni Favia – scrive Fabrizio – è importante per la vita del movimento questa cosa se non viene risolta potrebbe causare dei danni”. E sono decine anche i messaggi come quello di Luca, che lo sollecita a intervenire: “Beppe, servirebbe un tuo comunicato sulle dichiarazioni di Favia”. Dall’altra parte ci sono anche le voci di chi ritiene ” normale” che le redini del movimento siano tenute da “poche persone” che “devono stabilire delle regole”. Secondo Andrea, quindi, “bisogna accettare Casaleggio spin doctor nel bene e nel male” e Franco su Twitter riassume così la posizione di altri utenti: “Non chiamatelo #m5s, ma MiC: made in #Casaleggio”.

Sulla pagina facebook di Favia invece, sono centinaia i commenti al suo status in cui annunciava le dimissioni a seguito del fuori onda, ma non faceva nessun un passo indietro rispetto a quanto dichiarato su Casaleggio. C’è chi lo invita a lasciare il consiglio dell’Emilia Romagna e chi invece gli chiede di rimanere “per fare maturare definitivamente il movimento 5 Stelle”. Perché, scrivono altri, ha “detto quello che tutti sapevano”.