Almeno 7 vittime  accertate, incluso il killer. E’ il bilancio provvisorio dell’attacco ad un tempio Sikh a Oack Creek vicino Milwaukee in Wisconsin. Lo ha riferito il capo della polizia di Greenfield, Brad Wentlandt, chiarendo che l’aggressore è stato colpito a morte da un agente all’esterno del tempio, a sua volta centrato ripetutamente. Tre delle vittime, incluso il killer, sono morti all’esterno del tempio sikh e 4 all’interno. La polizia al momento non ritiene che all’interno delle edifico si possa trovare un complice  – come riferito da molti media americani – ma ancora l’area non e’ stata dichiarata “sicura”. La sparatoria è iniziata alle 12 locali (le 18 in Italiana) al Sikh Temple del 7512 di S. Howell Avenue.

La sparatoria segue la “strage nel cinema”, che solo 15 giorni fa – il 20 luglio – ha sconvolto l’America: James Holmes, 24enne ex studente di neuroscienze, entra armato fino ai denti in un cinema alla periferia di Denver, Colorado, dove stanno proiettando l’ultimo capitolo della saga di Batman, The dark knight rises, e gridando ‘Sono il Jocker’, apre il fuoco all’impazzata e uccide 12 persone, vestito come Bane, il cattivo del film.

E come avvenne il 20 luglio dopo la strage in Colorado alla prima di Batman, la polizia di New York ha rafforzato la sicurezza intorno ai templi sikh della citta’ dopo la strage di Milwaukee in cui un uomo ha ucciso 6 fedeli prima di essere abbattuto dagli agenti.