E’ polemica in Francia per Zlatan Ibrahimovic approdato al Paris Saint-Germain. Le discussioni accese però hanno lasciato le pagine dei giornali sportivi e i “bar dello sport”, per approdare al dibattito politico. Dopo le critiche del presidente Francois Hollande, dell’ex ministro dello Sport Roselyne Bachelot e del portavoce del governo Najat Vallaud-Belkacem, oggi è il ministro del Bilancio francese Jerome Cahuzac a rincarare la dose definendo “indecente” lo stipendio di circa 14 milioni di euro all’anno che i proprietari qatarioti del Psg pagheranno all’attaccante svedese.

 “Queste cifre non sono impressionanti, sono indecenti”, sono le le parole scelte dal ministro per commentare la vicenda ai microfoni di Radio Europe 1. “Sono indecenti soprattutto in un momento in cui tutto il mondo dovrebbe fare uno sforzo a causa delle conseguenze della terribile crisi finanziaria che ha colpito i mercati, ha continuato il ministro. Si temono conseguenze disastrose perchè sappiamo che molti club europei hanno i bilanci in rosso e parecchi sono assillati dai debiti”. Ieri anche l’attuale ministro dello Sport, Valerie Fourneyron, aveva definito “astronomiche e irragionevoli” le cifre pagate dal club transalpino.