“Siamo qui a navigare il corso d’acqua della nostra città per dimostrare cosa potrebbe essere il Sarno se tornasse a essere navigabile”. Michele Grimaldi, del movimento ‘La primavera non bussa’, ha scelto un modo singolare per denunciare l’inquinamento del fiume campano: munito di mascherina e tuta bianca, ha attraversato in canoa un tratto del corso d’acqua, fino ad arrivare nel centro della città di Scafati (SA). Malgrado i passi in avanti fatti negli ultimi anni, le condizioni del fiume restano critiche. Colpa degli scarichi industriali illeciti, dei rifiuti abbandonati, e soprattutto dell’assenza di adeguati sistemi di fognatura e collettamento di alcuni Comuni del comprensorio. Compresa Scafati, dove in alcuni casi gli scarichi delle abitazioni finiscono direttamente nei canali che attraversano la città  di Andrea Postiglione