Pronti, Europei 2012, via: si parte oggi da Varsavia (ore 18) con Polonia-Grecia, fino alla finale del 1° Luglio. Tra le polemiche per i cani cremati a Kiev (migliaia di randagi arsi – anche vivi – in forni crematori mobili), il caso Tymoshenko, le speculazioni sul turismo da tifo (prezzi alle stelle per hotel e case dello studente convertite in proibitivi ostelli) e lo scandalo delle celle (prigioni lesive dei diritti umani) che aspettano molestatori e ubriachi con bandiera e sciarpa al collo.   

La bufera italica su Criscito, Buffon e Bonucci ci riporta però (pensate un po’) al calcio e ai calciatori. In lizza (cioè nelle liste ufficiali) ce ne sono 23 per nazionale, che moltiplicato 16 finaliste, fa un totale di 368 giocatori (attualmente) nei ritiri di Euro 2012.

Dalla Croazia alla Francia, dalla Russia all’Irlanda (e via tutte le altre), insieme ai più famosi Iniesta, Klose e Cristiano Ronaldo, c’è anche gente come Oleksandrovych, Mikhalik, Vukojević, Mandžukić, Tzavellas e Katsouranis.

Chi? Cosa? Sai che impresa per commentatori, cronisti e addetti ai lavori, pronunciare correttamente tutti questi cognomi così difficili e improponibili?

Così, per non perdersi nel labirintico rompicapo del multilinguismo, la Fondazione spagnola Bbva, con l’aiuto della società di lingue Sepro Tec, ha lanciato on-line una piattaforma audio (open-free) con la corretta pronuncia (in madre lingua) di tutti i protagonisti dell’europeo. Dai giocatori agli allenatori, dai presidenti federali ai dati essenziali della manifestazione (compresi arbitri e località di gara con rispettivi stadi di Ucraina e Polonia), ce n’è davvero per tutti, in tutte le lingue e per ogni gusto.

Adesso è vietato sbagliare. Col salva lingua su internet, nessuno è più perdonato. Sono abolite le (goffe) gaffe in eurovisione: avvisate i telecronisti Rai.