Continua l’azione della Procura di Milano sulla famiglia Ligresti. I militari della Guardia di Finanza, su ordine del pm Luigi Orsi, stanno effettuando perquisizioni negli uffici di Sinergia e Imco, le società della famiglia dell’imprenditore siciliano nell’ambito dell’inchiesta aperta l’estate scorsa sull’altalena dei titoli in Borsa delle società Premafin e FonSai. Gli investigatori si sono presentati nella sede legale di Roma di Sinergia e Imco e nelle sedi ritenute operative nel capoluogo lombardo. Nell’inchiesta è indagato per ostacolo all’attività degli organi di vigilanza e aggiotaggio lo stesso Salvatore Ligresti. Nell’ambito delle indagini è stato anche sequestrato il 20 percento delle quote di Premafin. La settima scorsa la Procura ha chiesto il fallimento delle due società della famiglia e l’udienza si terrà il 2 maggio. Ieri l’Antitrust ha invece deciso di congelare la fusione prevista con Unipol e ha aperto una verifica che si dovrebbe concludere entro quarantacinque giorni.