Una carrellata d’inestimabile valore con decine di assaggi d’arte secolo per secolo dal Quattrocento ad oggi. Da Vermeer a Kandinsky – capolavori dai musei del mondo a Rimini, allestita a Castel Sismondo nel capoluogo romagnolo dal 21 gennaio fino al 3 giugno 2012, è la mostra di pittura su cui punta la fondazione trevigiana Linea d’Ombra per festeggiare i quindici anni di attività.

In accordo con la Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini e con la Fondazione San Marino, la rocca Malatestiana di Rimini ospiterà una grande lezione di storia dell’arte aperta e comprensibile a tutti.

Di ognuna delle principali nazioni che hanno dato lustro alla storia dell’arte, è stato scelto il secolo, o i secoli, di maggior gloria, e all’interno di quel secolo, specialmente per l’Italia, la realtà “regionale” maggiormente rappresentativa. In questo modo si otterrà una visione ampia e globale delle principali personalità che hanno indelebilmente segnato il corso della storia dell’arte degli ultimi cinque secoli, sia in Europa che in America.

L’esposizione si apre con una vasta sezione dedicata alla pittura veneta del Cinquecento ovvero ad uno dei periodi tra i più fecondi dell’arte italiani: i capolavori di Tiziano, Veronese, Lotto, Tintoretto, ma anche di Savoldo e di altri maestri del territorio della Serenissima che, in questo secolo, si allargava alla Lombardia orientale, con Brescia e Bergamo. La sezione successiva introduce alla Pittura in Italia nel Seicento, con opere che documentano il classicismo di Annibale Carracci, e le declinazioni personali di Guercino, Mattia Preti, Guido Reni, Luca Giordano e molti altri. Per tornare al fascino di Venezia, stavolta nel Settecento, con il Tiepolo, Guardi e i grandi vedutisti come Canaletto e Bellotto.

Dall’Italia alla Spagna con un’ampia sezione dedicata a El siglo de Oro, ovvero alla grande arte iberica del Seicento, con Velazquez, Murillo, El Greco, Ribera, Zurbaran. Dal secolo d’oro spagnolo a quello, non meno prezioso, d’Olanda. Con la sezione dedicata a La Golden Age in Olanda. Qui le atmosfere del tutto particolari della pittura neerlandese sono proposte dal capolavoro Cristo in casa di Maria e Marta di Vermeer, prestito davvero straordinario e imperdibile. Non meno che dalle opere di Van Dick, Ter Brugghen e Van Honthorst.

Paesaggi, atmosfere e ritratti nella sezione dedicata a La pittura in Inghilterra tra Settecento ed Ottocento, firmati da Hogarth, Turner, Constable, Reynolds, Gainsborough, Wright of Derby. Una sezione e’ riservata a L’età dell’Impressionismo da Van Gogh a Manet, da Millet a Courbet, da Monet a Degas, da Renoir a Sisley e Pissarro. Infine il gran finale con la Pittura del XX secolo in Europa: Matisse, Picasso, Mondrian, Bacon con uno strepitoso trittico, De Stael, Morandi e naturalmente Kandinsky.

d.t.