Babbo Natale ci ha portato in dono la salva Italia del governo Monti con “modalità imposte dal disastro incombente e dal poco tempo per evitarlo”. I primi mesi del 2012 ci porteranno, invece, cresci Italia.
Sapranno i nostri eroi, dopo i facili salassi, risparmiare sulle spese inutili e recuperare sprechi ed evasioni?

Una supposta spinge l’altra

Anche l’undici è finito,
col Paese tramortito
causa il virus del caimano
e il rimedio bocconiano.

Pesantissime le cure
con le flebo, le punture,
i salassi, le pomate,
le supposte là infilate.

Per curar bene il malanno
trasfusion non se ne fanno
poiché il sangue è terminato,
con furor vampirizzato

dai signori della Casta.
Se un salasso sol non basta,
se ne fan anche più d’uno.
Se non basta, c’è il digiuno

o una dieta molto forte
che può dare anche la morte
a chi è già debilitato
poiché sempre mal curato.

I dottor, senza pietà,
tagliuzzando or qua or là,
curan tutti in modo eguale,
il taxista e il manovale,

l’operaio e il commerciante,
lo statale e il benestante,
l’avvocato ed il precario,
la badante ed il primario.

Un tassato vale l’altro
ed un elusore scaltro
paga men di un poveretto
che possiede un’auto e un tetto.

Tutti nei lor bla bla bla
parlan tanto di equità,
ma è una balla colossale.
Il disastro era, ahimé, tale

e così tanta l’urgenza,
che per l’evasor…pazienza,
prima o poi lo beccheremo!

Mentre il Capataz Supremo

coi sermon dall’alto Colle
vuole spingere le folle
allo spirito unitario
con il qual salga al Calvario

tutto il popolo italiano,
lieto, mano nella mano.
Resta una curiosità:
il capir cosa farà

il governo dei sapienti
per i casi sconvolgenti,
da affrontare, prima o poi.
Farà ancora i cazzi suoi

in Region la Polverini,
ricoprendo di quattrini
i suoi ignobili scudieri?
Compreremo i bombardieri

che non serviranno mai?
Cambierà un bel dì la Rai?
Pagheranno anche i maiali
che han portato i capitali

nella Confederazione?
Finirà qualche missione,
che i quattrin ci porta via,
per dar la democrazia

a chi non ne vuol sapere?
E Moretti, il ferroviere,
potrà ancor spaccar l’Italia
tante Tav tenendo a balia

e fregando i pendolari?
Pagheranno un dì i cazzari
che compongoni la Casta?
Si dirà un bel giorno “Basta!

anche al ponte sullo Stretto?
Sol se il tecnico provetto
tutto ciò realizzerà
l’italiano dir potrà

Grazie!” sia a Napolitano
che al sapiente bocconiano.
C’è il timor che dica, offeso:
Per il cul ci avete preso!