Rieccoli, i condannati. Occupano le istituzioni. Vanno a sedersi nel consiglio regionale della Campania. Sono pronti a legiferare per noi. Con un decreto a firma del premier Silvio Berlusconi, si è infatti conclusa la sospensione dalla carica di due eletti alle regionali del marzo 2010, entrambi in forza al centrodestra del Governatore Stefano Caldoro. Si tratta di Roberto Conte, condannato nel 2009 in primo grado a due anni e otto mesi per concorso esterno in associazione camorristica per una storiaccia di voto di scambio alle regionali del 2000 col clan Misso, e di Alberico Gambino, condannato sia in primo grado che in appello per peculato. L’ultima sentenza gli ha inflitto una pena di un anno, cinque mesi e dieci giorni: deve rispondere di una disinvolta gestione della carta di credito del Comune di Pagani (Salerno), di cui Gambino era (ed è) sindaco.

Giovedì la giunta per le elezioni del parlamentino dovrebbe riunirsi per decidere sul reintegro di Conte e Gambino, sospesi in conseguenza di condanne non definitive, come stabilito dal decreto legislativo 267/2000 sull’ordinamento degli enti locali. L’esito è scontato: la giunta e l’Aula non potranno far altro che prendere atto del decreto di Berlusconi. “Una cambiale elettorale” secondo il Pd. Perché il segnale che arriva da Palazzo Chigi è dirompente, e fa riflettere la tempistica del decreto. I termini della sospensione di Conte e Gambino erano scaduti da tempo. Berlusconi poteva agire prima, oppure aspettare il voto delle amministrative, o l’esito di una diffida della consigliera Pdl subentrata a Gambino, Monica Paolino, secondo la quale Gambino era comunque ineleggibile per non essersi dimesso da sindaco di Pagani prima di candidarsi (all’epoca era sospeso anche da quella carica). Invece il premier ha dato il via libera ai due condannati in piena campagna elettorale, infischiandosene delle polemiche sugli inquisiti candidati e sulla longa manus dell’imputato di camorra Nicola Cosentino sulla composizione delle liste azzurre.

Conte, eletto nella lista Alleanza di Popolo, tra i cui sponsor si ricorda l’avvocato-scrittore degli “strategismi sentimentali” Alfonso Luigi Marra, ha strappato nell’ultima tornata 10.460 preferenze. Nonostante la circostanza di essersi candidato da consigliere uscente già sospeso per la condanna pendente. Le sue vicende giudiziarie non hanno impressionato l’elettorato. Esattamente come per Gambino, eletto nella lista Pdl di Salerno col botto di 27.164 preferenze: pochi giorni prima della chiusura delle liste la Corte di Appello aveva confermato la condanna, con uno sconto di appena venti giorni rispetto alla pronuncia di primo grado.

Per entrambi le sentenze non sono definitive. Conte ha fatto ricorso in Appello. Nel frattempo, deve difendersi in un altro processo dove è imputato di corruzione per una vicenda di appalti di manutenzione di impianti antincendio per l’ente regionale. Secondo il pm si sarebbe messo in tasca 160.000 euro e le chiavi di una lussuosa Maserati. Il 19 maggio il Gup deciderà sul rinvio a giudizio. Tra le parti offese, il consiglio regionale nel quale a breve Conte verrà riammesso. Quanto a Gambino, a luglio la Cassazione esaminerà il suo processo. A fine febbraio è stato reintegrato anche nella carica di sindaco. Una legge della Campania gli imporrebbe ora di optare tra il Comune e la Regione. Ha qualche mese di tempo.

Conte e Gambino arrivano alla corte di Caldoro attraverso percorsi politici molto diversi. Conte è un ex dirigente dei Verdi, uno dei pochi in Campania a fare il muso duro contro Alfonso Pecoraro Scanio. Nel 2000 viene eletto in Regione nella lista del Sole che Ride nonostante l’aperta ostilità del suo partito, dal quale infatti esce poco tempo dopo per iniziare a collezionare casacche. Nel 2005 è nella Margherita, viene rieletto con oltre 30.000 preferenze, diventa un fedelissimo di Rutelli. Col quale approda nel Pd. Dopo la condanna, il passaggio nel centro destra attraverso una lista fiancheggiatrice.

Gambino invece è un azzurro che più azzurro non si può. Nel 2007, in Forza Italia, acquista fama nazionale perché diventa il sindaco più votato d’Italia: oltre il 76% di consensi al primo turno. Nel 2009 cumula gli incarichi di sindaco e di assessore provinciale di Salerno nella giunta del Pdl Edmondo Cirielli. Poi gli piomba in testa la tegola della condanna in primo grado. Con annessa sospensione da Comune e Provincia. Ma Cirielli non vuole rinunciare a lui: e lo recupera con un contratto di consulente al Turismo. In pratica, Gambino fa l’assessore ombra. Non può sedere in giunta, ma per un po’ continua a far parte dello staff degli uomini di stretta fiducia dell’ex ufficiale dei Carabinieri. E c’è anche il sostegno di Cirielli, che nel Pdl è entrato in rotta di collisione col ministro salernitano Mara Carfagna, dietro all’exploit di preferenze di Gambino alle ultime regionali.

Sul reintegro della coppia Conte-Gambino, il deputato napoletano del Pd e membro della commissione Antimafia Salvatore Piccolo ci va giù duro: “Mentre l’Istat informa che un terzo dei giovani è senza lavoro e Napoli è sommersa dai rifiuti, la sola preoccupazione del Governo Berlusconi è di rafforzare la traballante maggioranza di Caldoro anche a costo di reintegrare due consiglieri condannati”. “E’ questa la risposta del centrodestra – prosegue Piccolo – alla domanda della gente di avere istituzioni trasparenti e credibili? In realtà, la decisione del Governo Berlusconi scava, rispetto alle persone perbene della Campania, un altro solco profondissimo. Rappresenta l’ennesimo schiaffo a chi spera in un riscatto di Napoli e dell’intera Regione all’insegna della legalità. Il centrodestra, giorno dopo giorno, ha sempre meno credibilità in questo campo. Evidentemente, lo stesso Berlusconi ha preferito pagare in anticipo qualche cambiale elettorale anziché tutelare la dignità dei cittadini e delle istituzioni che li rappresentano. E il Governatore Caldoro? Davanti a questa desolante vicenda tace. Come sempre”.

Poco fa un colpo di scena. Il presidente del consiglio regionale campano Paolo Romano (Pdl), ha annunciato che la Regione Campania si costituirà in giudizo nei processi a Conte in cui l’istituzione campana è parte offesa. “Al di là delle legittime posizioni politiche espresse a riguardo, si tratta di un atto dovuto” spiega Romano ”l’iniziativa, maturata anche da un positivo confronto con il governatore Stefano Caldoro e il capogruppo del Pdl, Fulvio Martusciello è volta a tutelare l’istituzione regionale”. Qualche settimana fa il segretario campano del Pd, Enzo Amendola, in un’intervista a ‘Il Mattino’ chiese a gran voce la costituzione di parte civile del consiglio regionale nei procedimenti a carico di Conte. Ed è di queste ore un durissimo documento dei capigruppo regionali dei partiti di opposizione (Pd, Idv, Pse) col quale si definisce il reintegro dei due consiglieri condannati “la conferma dell’esistenza di una questione morale irrisolta nel centro destra campano, vicenda che si somma a quella dei tanti impresentabili che affollano le liste del Pdl e dei partiti ad esso alleati nei Comuni e nelle Municipalità che vanno al voto”. Nella nota, i capigruppo regionali “considerata l’escalation e la portata di questi fenomeni nel territorio campano” esprimono “fondati timori sul regolare e libero svolgimento di questa tornata elettorale, con le consequenziali ripercussioni sulla tenuta democratica delle nostre istituzioni” e invitano l’opposizione parlamentare ad aprire “un ineludibile e indispensabile confronto” su quel che sta succedendo in Campania.