/ di

Nando dalla Chiesa Nando dalla Chiesa

Nando dalla Chiesa

Docente universitario, scrittore e politico

Mi piace la democrazia e ho cercato di darmi da fare per lei in tanti modi, anche se non ho ancora capito se lei me ne sia grata. Sono del Pd ma sono soprattutto un democratico senza aggettivi. Sono un sociologo, laureato in economia alla Bocconi, insegno a Scienze Politiche di Milano e collaboro con diversi giornali. In particolare mi onoro di essere tra i collaboratori del Fatto diretto da Antonio Padellaro. Da cinque anni sono anche editore di Melampo, la casa editrice che ho fondato insieme a Lillo Garlisi e Jimmy Carocchi, miei allievi bocconiani arrivati al successo nell’editoria per i fatti loro. Faccio pure del teatro. Comico e soprattutto civile. Infine, mi piace fondare. Mica solo la casa editrice. Ho fondato un circolo di nome “Società civile” nella Milano degli anni Ottanta. Poi, con il mio amico Gianni Barbacetto, ho fondato il mensile omonimo, grande esperienza giornalistica fatta da ragazzi irripetibili. Ho fondato con Leoluca Orlando e Diego Novelli la Rete, un movimento che diede agli inizi degli anni Novanta dignità politica nazionale all’idea che si dovesse combattere la mafia. Ho fondato il piccolo movimento di Italia democratica, anche quello con mensile, che confluì nell’Ulivo battendosi contro il razzismo e la secessione. E pure Omicron, rivista sulla criminalità organizzata al nord, sempre con Gianni Barbacetto. E il comitato di parlamentari “La legge è uguale per tutti” per fronteggiare l’offensiva del signor B.; un comitato alla testa di tante manifestazioni degli anni dei girotondi e che ha prodotto l’unica esperienza di teatro civile al mondo fatto da parlamentari. Ho anche fondato con Fabio Zanchi e Lidia Ravera il Mantova Musica Festival, nato per contestare Sanremo finito nelle mani di Tony Renis e poi ripetuto gloriosamente per altre quattro edizioni. Ho pure fondato, con una quarantina di lettori del mio blog, la Scuola di formazione politica “Antonino Caponnetto”. Non ho fondato “Libera”, la bellissima associazione di don Ciotti, ma ho l’orgoglio di esserne stato eletto presidente onorario. Soprattutto ho fondato una famiglia con Emilia. Ne sono nati Carlo Alberto e Dora, i miei gioielli, che se li avesse visti Cornelia ne sarebbe rimasta folgorata, altro che i suoi Gracchi, con tutto il rispetto.

Articoli Premium di Nando dalla Chiesa

Commenti - 13 agosto 2018

L’orchestrina magica che ci rapisce il cuore in una serata di Sicilia

Sampieri, terra di Montalbano, la lunga spiaggia, la storica fornace, il mare di Sicilia che si fa paradiso. Solo che in questa storia il commissario più famoso d’Italia non c’entra. C’entra invece una piccola salita del paese, da cui alle sei del pomeriggio giunge d’un tratto un coro melodioso, come ad annunciare un film di […]
Commenti - 9 agosto 2018

Regione Lombardia, l’avvocata e le ‘ovvietà culturali’ dell’antimafia

Oddio, le camere penali. La questione che le ha viste scendere in campo ultimamente è ben nota ai lettori del Fatto. Si tratta della nomina di una legale di fiducia di diversi condannati e imputati di mafia a membro del Comitato tecnico-scientifico antimafia della Regione Lombardia. Chi ha posto il problema di opportunità di questa […]
Italia - 6 agosto 2018

La lezione di Tommy contro il rancore di un mondo d’odio

È un personaggio speciale, Tommaso. Anche se non lo conosci, basta meno di un giorno per capirlo. Lo guardi nei suoi pochi andirivieni tra la spiaggia e il mare, lo studi mentre sta sotto l’ombrellone e rimira il cielo, e subito provi quell’attrazione tipica per chi possiede qualcosa di importante che noi, purtroppo, non abbiamo. […]
Commenti - 30 luglio 2018

Grazie Milano, ricordi le vittime di via Palestro tra scippi e luna rossa

Scena prima. “Prendetelooo, mi ha rubato i soldi”. Nella Milano svuotata, via Borgogna, dietro piazza San Babila, l’urlo disperato giunge da lontano. In quel momento mi arriva a un metro un “bolide” biondo ed elegante. Mi viene in mente che potrebbe essere lui, che potrei sgambettarlo, ma non vedo null’altro e dietro l’angolo c’è la […]
Italia - 23 luglio 2018

Il signor Mario, il sale, il vino, Castellammare e il capo dello Stato

Quelli che amano la propria terra. Come il signor Mario. Anche se non ne dimenticano le storture. Sempre come il signor Mario. Li incontri e ti paiono esemplari di una umanità speciale e superiore. Un cartello colorato e un sorriso annunciano il mio accompagnatore per San Vito Lo Capo. Su Punta Raisi è scirocco infuocato. […]
Commenti - 16 luglio 2018

La forza di quel “no” che fa di Ambrosoli un grande eroe civile

Nella notte di Croazia-Inghilterra un piccolo corteo si muove verso un luogo dimenticato a tre minuti di distanza. Circa 200 persone, molti giovani, si mettono in fila all’uscita del San Carlo, piccolo e accogliente cineteatro del centro di Milano. È appena terminata la rappresentazione di uno spettacolo lineare, di elegante nudità, tenuto in ricordo di […]
Società - 9 luglio 2018

Casina e la sua casa cantoniera: il trionfio della società che resiste

Ma quale casetta in Canadà. Gli onori della leggenda toccano alla casa cantoniera di Casina, comune di 4500 abitanti sull’Appennino emiliano, provincia di Reggio. Chi andasse alla ricerca di comunità che resistono, di solidarietà che non si squagliano, dovrebbe venire qui a stupirsi. A contemplare il “Centro comunale casa cantoniera di Casina” e l’umanità d’intorno, […]
Italia - 2 luglio 2018

Ludovica Zuccarini come la Figaro di Passaggi Festival

Ride, sorride. Arrossisce dalla fronte al mento, come non ho mai visto nessuno. Ludovica Zuccarini sembra spuntata da un fumetto, di quelli che una volta incantavano i bimbi buoni. Un divertente impasto di modestia e di bravura, che in una 29enne di oggi ti arriva come una folgorazione. “Lei non si meravigli però, io amo […]
Commenti - 25 giugno 2018

“La lotta alla mafia è diventata la mia questione di identità”

Che meraviglia vedere le emozioni dei giovani. Anche se qui ero parte in causa. Perché la giovane di cui parlerò è stata mia allieva. E perché l’opera che è stata premiata porta la mia prefazione. Ma ho provato a guardare il piccolo, minuscolo film che vi racconterò come se avessi dovuto auscultare i respiri di […]
Commenti - 18 giugno 2018

Antonina, la madre che insegna agli altri a guardare oltre

Alle fatidiche cinque del pomeriggio la folla in attesa della cerimonia sulla grande piazza quadrangolare di Valderice si divide rigorosamente in due: quella assiepata sotto il sole e quella messa in salvo oltre la linea dell’ombra. Sotto, il mare trapanese si distende senza fine. Appena un metro al di qua dell’ombra c’è una sedia in […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×