/ / di

Danilo Masotti Danilo Masotti

Danilo Masotti

Scrittore, consulente web e comunicazione

Sono nato a Bologna nel quartiere San Vitale l’8 novembre 1968. Per pagare le bollette mi occupo di web, comunicazione, social media marketing e interattività online. Sono l’ideatore e il cantante del gruppo rock New Hyronja, ma anche un conduttore di programmi radiofonici e televisivi, e pure blogger. Per la casa editrice Pendragon ho scritto i libri Umarells, Il codice Bologna, Bologna senza vie di mezzo, Ci meritiamo tutto, New Gold Dream e altre storie degli anni Ottanta, Ciccionazzi a Chichén ItzáAnche questa è BolognaOltre il cantiere – Fenomenologia degli umarells. Su feisbuc ho molti amici, nella vita reale per fortuna molti meno. Su tuitter mi potete seguire qui: @umarells.

Articoli di Danilo Masotti

Emilia Romagna - 15 marzo 2012

Dark Bologna

Brutta storia ragazzi, brutta storia. Ho appreso della scomparsa di Lucio Dalla da quel dispensatore di necrologi in tempo reale che è Twitter e mi è dispiaciuto tantissimo. Non ho mai ascoltato la sua musica, lo ammetto, ma nonostante questo conosco quasi a memoria tutte le sue strepitose hit, roba vecchia di trentanni fa, ma anche […]
Emilia Romagna - 20 febbraio 2012

Ci meritiamo tutto®

Dopo fiumi di  inchiostro digitale versati a parlare di Umarells, di Bologna e dei bolognesi che cambiano e si trasformano in non si sa bene cosa, vi segnalo  una nuova categoria di individui da tenere sott’occhio che magari vi erano sfuggiti: gli adultolescenti (adulti anagrafici ma adolescenti nello stile di vita e nelle aspettative). A […]
- 29 aprile 2011

Precari bolognesi e flessibilità motivata

Il bello di vivere a Bologna è che la città offre ancora un casino di lavori “creativi” dai nomi sibillini tipo giornalista, accaunt, ueb desainer, grafico, pi erre, comunicatore, organaizer ed samzing, lavori che mica li possono fare tutti. No, non è una questione di capacità, anzi; ci sono persone condannate a grigie scrivanie o a torni multicolori che […]
- 17 aprile 2011

Willie sindaco di Bologna

Gli irriverenti bolognesi lo chiamano Uilli Merda. I più rispettosi fuorisede lo chiamano Uilli Tatù. Per non scontentare nessuno, qui lo chiamerò Uilli e basta. Uilli lo vedevo sempre verso la fine degli anni Ottanta alla Morara, locale ai confini della realtà e ai margini della società in via Giacosa, modestissima zona Borgo Panigale, teatro di uichend improponibili […]
- 14 aprile 2011

Il lavoro rubato ai bamboccioni bolognesi

Al parco vicino a casa mia faccio spesso dei bellissimi incontri. Mi siedo su una panchina, da lontano osservo mia figlia che gioca con le multietnie cinnesche e guardo i genitori che popolano questo spazio verde perdendomi  nei miei pensieri e traendo numerose ispirazioni sulla città che cambia nella forma e nel colore. Raramente parlo […]
- 12 aprile 2011

Bologna che suona, che scrive e che si candida

Quando frequentavo ragioneria al Tanari ero circondato da ragazzini/e eccessivamente normali e mi annoiavo a morte, come solo ci si può annoiare frequentando gente normale. Ah, pure io ero normale, chi non lo è? Correvano gli anni ottanta, c’era sempre Gheddafi che stracciava (o gli stracciavano) i maroni, gli americani democratici che bombardavano a fin […]
Caro Nanni (Moretti) di’ qualcosa che sia nuovo
“In 25 mila a rischio clandestinità”: l’appello di Strada e don Gallo

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×