Stellantis ha annunciato il richiamo di oltre 32.000 dei suoi Suv ibridi plug-in Jeep Wrangler perché sono a rischio di potenziale incendio. Infatti, nell’ambito di una revisione di routine delle informazioni sui clienti, Stellantis ha stabilito che otto Wrangler ibridi ricaricabili avevano preso fuoco mentre erano spenti e parcheggiati. Sei dei veicoli di cui sopra erano in carica quando sono divampate le fiamme.

Da qui l’avvio della campagna di richiamo, che riguarda gli esemplari dal Model Year 2021 al Model Year 2024 della Jeep Wrangler 4xe. Le automobili interessate dal problema potranno essere guidate finché non saranno riparati, ma Stellantis raccomanda di parcheggiarle lontano dagli edifici e di non ricaricarle – richiesta un po’ strampalata: un’ibrida plug-in, per avere senso di esistere, dovrebbe essere sempre ricaricata per sfruttarne la modalità di marcia elettrica, che limita consumi di benzina ed emissioni di CO2 – finché non saranno verificate dalla rete di assistenza.

L’intervento di correzione del difetto riguarda il ripristino o l’aggiornamento del software o la sostituzione della batteria del veicolo. La multinazionale prevede di contattare i proprietari dei Suv a rischio che necessitano di essere riparati. Questo è solo l’ultimo richiamo per la Wrangler 4xe, poiché alcuni esemplari erano stati richiamati già alla fine del 2022 per il rischio di avarie del motore.

Articolo Precedente

Solutrans, al salone francese dei veicoli commerciali le novità di Renault, Ford e Fiat – FOTO

next