Un pino alto più di 20 metri è crollato nel cortile di un palazzo dell’Ater nel quartiere di San Basilio, a Roma, ferendo tre ragazze di 12, 14 e 16 anni. Le giovani sono state trasportate in codice rosso in tre diversi ospedali. Le condizioni non appaiono gravi: una di loro è già stata dimessa, mentre per le altre due si parla di una prognosi di 7 giorni. Ferito lievemente anche un ragazzo di 15 anni che si trovava a pochi metri, riportando però solo alcuni graffi. Il fatto è avvenuto nelle palazzine gestite dalla Regione Lazio di via Senigallia 125, in un’area molto frequentata da ragazzi e bambini. Poco distante dal punto del crollo è infatti presente anche una piccola area giochi, sebbene inutilizzabile da tempo.

“L’albero era alto 20 metri e sembra che diversi altri arbusti siano nelle stesse condizioni” – ha dichiarato il rappresentante al Consiglio Nazionale M5s per la circoscrizione Centro Italia e Vicepresidente dell’Assemblea Capitolina, Paolo Ferrara – “questa Regione a guida Rocca finora ha prodotto solo feriti e polemichette estive: si dia una mossa e intervenga seriamente per evitare una tragedia annunciata”. Nel merito è intervenuta anche la presidente della commissione Urbanistica e Politiche Abitative del Lazio Laura Corrotti (Fdi): “Intendo esprimere solidarietà e vicinanza alle famiglie dei ragazzi rimasti feriti. Un evento grave e sul quale, sono sicura, la Regione Lazio andrà fino in fondo per fare piena luce e per chiarire le reali responsabilità dell’accaduto. Davanti a un episodio come questo è vergognoso constatare che c’è chi, come il presidente del IV Municipio Massimiliano Umberti e il consigliere comunale del Movimento 5 stelle Paolo Ferrara puntano ora il dito nei confronti dell’Amministrazione regionale, speculando politicamente su quanto accaduto, dimenticandosi, o volendosi dimenticare, che l’attuale maggioranza regionale si è trovata ad ereditare una situazione consequenziale a dieci anni di guida Zingaretti”.

Nella stessa giornata del 18 agosto un altro grosso ramo si è abbattuto nei pressi della circonvallazione Clodia, a due passi dalla città giudiziaria. Il ramo ha invaso completamente la corsia fino al marciapiede opposto, danneggiando due auto in sosta e l’insegna di un’attività commerciale. “Per fortuna non passava nessuno in quel momento”, racconta un residente, “è stato per puro caso se nessuno si è fatto male. Il ramo è venuto giù all’improvviso, poco prima erano passati alcuni automobilisti”. Sul posto sono intervenuti gli uomini della polizia e dei Vigili del fuoco, chiudendo il tratto di strada al traffico.

Articolo Precedente

L’Italia di nuovo nella morsa del caldo: bollino rosso in 8 città per la terza ondata di calore

next
Articolo Successivo

Nubifragio sulle Dolomiti bellunesi, una colata di fango e sassi invade la strada in val di Zoldo

next