Il fango dell’alluvione nel senigalliese scaraventato davanti al palazzo della Regione Marche. Movimenti per il clima, antagonisti e studenti: scatta la rabbia e la manifestazione contro la giunta delle Marche e le istituzioni in genere rischia di trasformarsi in un corpo a corpo con la polizia. Al grido di ‘Noi sporchi di fango, voi sporchi di sangue’ diverse centinaia di persone, in larga maggioranza giovani e tra loro tanti senigalliesi, hanno scaricato quintali di fango sulle scale di Palazzo Raffaello, la sede politica della giunta regionale di centrodestra guidata da Francesco Acquaroli. È mancato poco che alcuni di loro riuscissero a penetrare dentro il palazzo – dove non si sono visti membri della giunta, dal presidente agli assessori, se si eccettua un paio di dirigenti, poi tornati nei piani alti dell’edificio -, controllati dal cordone di polizia senza che la situazione degenerasse.

Ci sono stati alcuni momenti di tensione quando i contenitori pieni di fango sono stati buttati proprio sulla porta d’ingresso di Palazzo Raffaello, mentre alcuni esponenti di Fridays for Future e dei centri sociali hanno imbrattato i muri della sede regionale. Le forze dell’ordine hanno tentato di evitare lo spargimento, riuscendoci solo in parte. In corteo ad Ancona c’erano tanti giovani senigalliesi: “Venerdì scorso, già dalle 8 di mattina, ero in strada a spalare la melma e cercare un senso ha quanto accaduto – attacca Francesco Giacometti – Già ho vissuto il dramma del maggio 2014 con la prima alluvione, non pensavo di rivedere le stesse scene, anzi peggio. Sono, siamo stanchi, arrabbiati e ce l’abbiamo con le istituzioni, in particolare con la Regione, prima a guida Pd e adesso con la giunta di centrodestra guidata da Fratelli d’Italia. Ma non dimentico neppure la giunta comunale della mia città, Senigallia e il sindaco Olivetti: da quando è arrivato non ha mosso un dito. Le chiacchiere ormai stanno a zero, basta grandi opere, sì a opere pubbliche per mettere in sicurezza il territorio”.

Davanti alla Regione c’era anche Francesco Rubini, consigliere comunale e candidato della lista civica di sinistra ‘Altra idea di città’ alle amministrative di Ancona previste nel 2023: “Non è un caso che la rabbia sia sfociata in un gesto simile – attacca Rubini, volontario nei giorni scorsi in soccorso alle popolazioni alluvionate – La Regione incarna più di altre istituzioni immobilismo assoluto dei governanti per quanto riguarda il nostro territorio, specie dopo il disastro della scorsa settimana. Ho partecipato con convinzione a questo atto di protesta, già importante vista la situazione generale del pianeta. Nessuno è stato in grado di intercettare i segnali negativi dei cambiamenti climatici e adesso siamo arrivati a questo punto”. Il corteo, dopo aver lasciato la sede regionale, ha sfilato verso il cuore del quartiere multietnico del capoluogo, sempre guardato a vista dalla polizia, prima di terminare la protesta in un comizio aperto alla cittadinanza.

Articolo Precedente

Sciopero generale per il clima, al corteo dei Fridays di Torino le critiche all’alternanza scuola-lavoro: “Uccide gli studenti” – Video

next
Articolo Successivo

Bollette, extraprofitti e rinnovabili: perché l’Italia non nazionalizza l’energia?

next