Le delusioni non finiscono per Federico Pizzarotti. Dopo aver abbandonato la mini-coalizione di centrosinistra trainata dal Pd in favore del polo centrista, ora riceva una porta in faccia anche da Azione e Italia Viva. “La mia partecipazione alle elezioni politiche del 25 settembre finisce qui, cioè non inizia”, scrive su Facebook l’ex sindaco di Parma, “Non sarò candidato, non ci sono stati spazi seri nel progetto del Terzo Polo per candidature non direttamente collegate ad Azione e Italia Viva”. “Non c’è stato posto per Gabriele Albertini“, dice, “non c’è stato posto per Federico Pizzarotti e per altre figure che pure avrebbero a mio parere offerto un importante contributo e un messaggio di apertura e pluralità. Non è stato così, purtroppo le fusioni a freddo realizzate in due settimane hanno queste conseguenze”. La candidatura di Pizzarotti era stata prevista al Senato nelle circoscrizioni di Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, ma non come capolista (secondo in Lombardia 1 dietro Giusy Versace, terzo nel collegio bolognese-romagnolo) e quindi in posizione difficilmente eleggibile.

Quando un paio di settimane fa Pizzarotti aveva annunciato l’imbarco sulla nave del centrino non aveva risparmiato toni d’entusiasmo: “Sono orgoglioso di aver scelto per coerenza di stare nel Terzo polo. Per questo progetto di garanzia contro le destre peggiori e più incompetenti che l’Italia abbia mai conosciuto bisogna ringraziare Matteo Renzi. Ha messo il Paese davanti ai propri interessi. Farò la mia parte”. Un’euforia che lo aveva portato a pronosticare addirittura un pacchetto di voti possibile intorno all’8-10 per cento, “un risultato raggiungibile ed è più della somma delle singole forze”. In precedenza Pizzarotti, con la sua “Lista civica nazionale“, che riunisce alcuni sindaci, inizialmente aveva abbozzato contatti e accordi con il Pd, ma poi aveva scelto Italia Viva: “Renzi ha capito il nostro progetto e ha scelto di darci la possibilità di presentarci alle prossime elezioni”, scriveva lo scorso 8 agosto. Prima di scoprire che la “possibilità di presentarsi” non coincideva con quella di essere eletti.

“Qualcuno pensa che io abbia sbagliato ad aprire con generosità e senzagaranzie preliminari” al Terzo polo”, mette le mani avanti l’ex sindaco. Giustificandosi però così: “Io ho compiuto una scelta parlando con i suoi promotori, dai quali ho ricevuto un caloroso benvenuto. Oltre la parola e una stretta di mano, non mi sembrava servissero altre rassicurazioni. Avevano specificato che una parte delle candidature sarebbe stata aperta, un 10% avevano riportato i giornali, l’effetto reale è stato avere solo due proposte. Non avevo chiesto e non mi aspettavo una candidatura “blindata” (da sindaco ho sempre faticato per guadagnarmi le cose), ma solo di essere messo nelle condizioni di poter gareggiare seriamente e di poter concretizzare una rappresentanza adeguata della lista civica nazionale. Non sono stati in grado di fare proposte serie e ieri sera ho dovuto a malincuore ritirare la mia candidatura”, spiega. E attacca: “Un ottimo programma si deve accompagnare con un allargamento sociale e politico nelle liste, mentre nel Terzo polo hanno scelto (legittimamente o meno, non spetta a me giudicare) di limitarsi alle classi dirigenti di Azione e Italia viva”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Che fine ha fatto la sinistra in Italia? Una crisi tra ideologia e opinione

next
Articolo Successivo

Regionali Sicilia, si rompe l’asse Pd-M5s. Conte: “I dem hanno insistito su impresentabili in lista”. Letta: “Esterrefatto da voltafaccia”

next