Continua a provocare polemiche la frase di Aurelio De Laurentiis. Il presidente del Napoli, qualche giorno fa, aveva dichiarato di “non voler più acquistare giocatori africani” perché “stanco delle loro assenze dovute alla Coppa d’Africa. Così, dopo la replica di Koulibaly, è arrivata la presa di posizione ufficiale della Federcalcio africana.

La Caf ha diffuso un comunicato in cui ha condannato le parole di De Laurentiis e si è detta “sconvolta dalle affermazioni irresponsabili e inaccettabili” del presidente del Napoli. Nella nota si legge che De Laurentiis “potrebbe aver violato l’articolo 14 del Regolamento disciplinare Uefa“, dichiarando pubblicamente che i giocatori africani che firmano per il Napoli devono rinunciare alla partecipazione alla Coppa d’Africa. Per questo, la Caf ha sollecitato la Uefa ad “avviare un’indagine disciplinare nei confronti di De Laurentiis”. Inoltre, la Caf si è domandata se il presidente “includerà condizioni restrittive simili per i giocatori del Sud America, dell’Asia e di altre confederazioni”, spiegando che “la Coppa d’Africa è la competizione di punta del continente africano e una delle principali competizioni calcistiche mondiali. La sua ultima edizione in Camerun è stata trasmessa in più di 160 paesi e ha attirato più di 600 milioni di telespettatori” e che quindi è impossibile per i giocatori potervi rinunciare.

CAF condemns unacceptable comments by Napoli FC president on African players https://t.co/XKyTZe6GNu

— CAF Media (@CAF_Media) August 7, 2022

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giorgio Chiellini, la prima ammonizione in Mls è già da antologia: i tifosi impazziscono in tribuna – VIDEO

next
Articolo Successivo

Il fanatismo dell’Olympique Marsiglia: una feroce devozione nel cercare di diventare la Roma B

next