Angelo Vassallo voleva denunciare un traffico di droga intorno al porto di Acciaroli e per questo fu ammazzato. E le indagini sulla sua morte furono indirizzate verso soggetti estranei al delitto. Ecco l’accusa contenuta nel decreto di perquisizione eseguito stamane dai carabinieri dei Ros, sezione crimini violenti, su ordine della Procura di Salerno guidata da Giuseppe Borrelli. Nove gli indagati nel nuovo fascicolo sull’omicidio del sindaco di Pollica, trucidato con nove colpi di pistola la sera del 5 settembre 2010. Tra i nove indagati, sei rispondono di concorso in omicidio con l’aggravante camorristica: il tenente colonnello dei carabinieri Fabio Cagnazzo, il carabiniere Luigi Molaro, l’ex brigadiere Lazzaro Cioffi, Romolo Ridosso e Salvatore Ridosso, del clan camorristico di Scafati Loreto-Ridosso, e l’imprenditore Giuseppe Cipriano, detto ‘Peppe Odeon‘, titolare di una sala cinematografica a Scafati. Nel settembre 2020 il Fatto quotidiano pubblicò in esclusiva la notizia dell’iscrizione di Cipriano nel registro degli indagati con l’accusa di concorso in omicidio con ignoti. Nell’estate del delitto, Cipriano gestì un cinema nel centro di Acciaroli e nella sua convocazione a rendere interrogatorio (rispose alle domande), si faceva riferimento a verbali dei Ridosso. I tre carabinieri, Cipriano e i fratelli Domenico, Federico e Giovanni Palladino, titolari di un residence a Pollica, sono indagati per droga.

Di concorso in omicidio era indagato sin dal 2018 Cioffi, brigadiere recentemente condannato a 15 anni per traffico di droga (senza aggravante camorristica) al termine di una indagine della Dda di Napoli sul clan Fucito. Cioffi fu convocato dai pm ma si avvalse della facoltà di non rispondere. All’epoca dell’omicidio lavorava nel nucleo investigativo dei carabinieri di Castello di Cisterna, all’epoca guidato da Cagnazzo che, in vacanza ad Acciaroli nei giorni del delitto, sequestrò di sua iniziativa – e in assenza di delega del pm di Vallo della Lucania, prima che il fascicolo venisse trasferito a Salerno – le immagini di una telecamera della videosorveglianza di un negozio che affacciava sul porto di Acciaroli. Cagnazzo poi scrisse una informativa che orientava le indagini verso un malfattore e spacciatore di origini brasiliane, Bruno Humberto Damiani, poi archiviato due volte dall’accusa di omicidio. La perquisizione riannoda tutti i fili dispersi di dodici anni di indagini che hanno affrontato più piste: da quella privata alle speculazioni edilizie nel Cilento. E si è tornati alla pista di partenza: quella della droga, di Vassallo che organizzava le ronde al porto per provare a ostacolare gli spacciatori. Fino forse a imbattersi su qualcosa di enorme. Che voleva denunciare, senza riuscire a fare in tempo. La tesi degli inquirenti, tra l’altro, è la stessa riportata nel libro-inchiesta ‘La Verità Negata’ (Paper First), uscito due anni fa in occasione del decennale dell’omicidio.

“Dopo 12 anni dall’omicidio di Angelo Vassallo, la svolta nelle indagini è sicuramente una bella notizia. Il sindaco di Pollica è un simbolo di coraggio, legalità, lotta per l’ambiente e contro la criminalità. Il Movimento 5 Stelle non si è mai dimenticato del “sindaco pescatore”, abbiamo messo in campo tutto il nostro impegno su questa vicenda, restando al fianco della famiglia e di tutti quelli che chiedono giustizia. Continuiamo a difendere i suoi valori e il suo esempio, per la verità”. Lo scrive su Facebook l’ex premier Giuseppe Conte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giovanni Brusca “socialmente pericoloso”, la misura del Tribunale di Palermo per il boss libero da oltre un anno

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, narcotraffico ed estorsioni: quattro arresti. Nel bar di fronte al Tribunale di Milano magistrati “spiati”

next