Era impossibile filmare le fasi anche di processi di evidente interesse pubblico. E così si può parlare di svolta storica e a lungo attesa per la giustizia britannica. Da giovedì 28 luglio saranno ammesse le telecamere, con una serie di restrizioni, nei tribunali penali di Inghilterra e Galles. Si è arrivati a questo dopo un dibattito durato quasi un decennio e una legge presentata dal governo di Boris Johnson per permettere al pubblico di seguire l’epilogo di casi particolarmente seri, riguardanti ad esempio omicidi e crimini sessuali.

Il primo che rientra nel grande cambiamento per la tradizione giudiziaria dell’isola è atteso domani alla Old Bailey di Londra: riguarda il verdetto nei confronti del 25enne Ben Oliver, con problemi mentali, che ha ammesso di aver ucciso a coltellate il nonno l’anno scorso. Sono diversi i paletti per le trasmissioni nelle corti di giustizia: le riprese devono limitarsi alla lettura delle sentenze e possono mostrare esclusivamente i giudici e registrare solo le loro parole, senza indugiare neppure per un momento su imputati, testimoni o giurati, ma anche evitando le reazioni dei condannati. È previsto che ogni sentenza filmata venga conservata su YouTube. L’innovazione è stata accolta con grande soddisfazione soprattutto dalle emittenti televisive, che da tempo chiedevano questa svolta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaiolo delle scimmie, Oms: “Mancano dati di efficacia dei vaccini”. New York chiede il cambio di nome della malattia

next
Articolo Successivo

Usa, ginecologa sotto inchiesta per l’aborto della bambina violentata in Ohio. La dottoressa indagata: “Non capisco perchè”

next