E’ morto nel carcere di Opera a Milano, dove era detenuto in regime di 41bis, il boss Antonino ‘Nino Santapaola, fratello dello storico capomafia Benedetto, detto “Nitto”. Aveva 68 anni e da tempo era affetto da schizofrenia irreversibile. Proprio ieri a Milano, un processo in cui era imputato era stato rinviato per l’impossibilità del boss di “prendere parte scientemente al processo”. La notizia del decesso ha trovato conferma anche in ambienti della Procura di Catania. “Tutti i suoi processi – commenta il suo legale, l’avvocato Giuseppe Lipera – sono sospesi per il grave stato di salute del mio assistito. Avevo presentato più volte istanze per la sua scarcerazione o di concessione degli arresti domiciliari e, almeno, la revoca della misura del 41 bis, a cui era sottoposto nonostante la grave malattia da cui era oggettivamente affetto. E’ un caso che deve fare riflettere tutti noi”. Il fratello del boss Nitto Santapaola era stato condannato all’ergastolo per associazione mafiosa. Era detenuto dal 2000 nel carcere milanese di Opera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diciasettenne ucciso a coltellate nel Foggiano, si costituisce un 15enne. Il nonno della vittima: “Dava fastidio alla fidanzata di mio nipote”

next
Articolo Successivo

“Dopo la morte di Falcone sono tanti gli interrogativi ai quali non so dare risposta”: in un libro l’ultimo discorso di Borsellino

next