Il rischio di recessione nel 2023 si fa sempre più concreto da entrambi i lati dell’Atlantico. Secondo un report di Goldman Sachs, la probabilità “è del 30% negli Stati Uniti, 40% nell’area dell’euro e 45% nel Regno Unito”. A dimostrarlo ci sono anche il calo dei prezzi del petrolio, il calo dei rendimenti dei titoli di Stato Usa e altri fattori come “la crescita del costo del lavoro per unità di prodotto e l’inflazione di fondo”, scrivono gli economisti della banca d’affari Daniel Milo e Daan Struyven. Ma i dati dipingono un “quadro contrastante. Sul versante pessimistico, la risposta della politica monetaria e fiscale potrebbe essere più limitata del solito e le tensioni energetiche sono il rischio principale in Europa. Sul fronte dell’ottimismo, le aspettative di inflazione e salari a lungo termine appaiono ancora per lo più agganciate e permangono sostanziali opportunità di miglioramento sul fronte dell’offerta”, scrivono gli analisti. Inoltre, il saldo finanziario del settore privato finanziario del settore privato “è molto più alto rispetto alla tipica recessione per tutte le economie”.

Il surriscaldamento economico sembra inoltre più evidente “negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Canada rispetto al Giappone e all’area euro”, dove quindi “la prossima recessione potrebbe essere un po’ meno profonda”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonus 200 euro, sindacati: “Escluse le categorie più fragili e i licenziati a giugno. Gigantesca ingiustizia, il governo rimedi”

next
Articolo Successivo

Crediti d’imposta sull’energia, lite nel governo. Giorgetti contro il Tesoro: “Correggere la norma che impone un tetto agli aiuti”

next