Nel primo trimestre 2022 il reddito disponibile delle famiglie è aumentato del 2,6% rispetto al trimestre precedente. Tuttavia, per effetto del generalizzato aumento dei prezzi, il potere d’acquisto delle famiglie è cresciuto soltanto dello +0,3% rispetto al trimestre precedente. La propensione al risparmio delle famiglie è stata pari al 12,6%, in aumento di 1,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente, a fronte di una crescita della spesa per consumi finali più debole rispetto a quella del reddito disponibile (+1,4% e +2,6% rispettivamente). E’ quanto emerge dai dati diffusi dall’Istat. È verosimile che i dati dei prossimi trimestre inizieranno a registrare un’erosione del potere d’acquisto delle famiglie, alla luce della progressiva accelerazione dell’inflazione. “Il rallentamento della crescita del potere d’acquisto è solo il primo passo verso la sua inevitabile caduta. L’inflazione oramai alle stelle avrà come conseguenza quella di portare in territorio negativo il potere d’acquisto, mentre i consumi formalmente reggeranno ancora per qualche trimestre, gonfiati dall’aumento dei prezzi”. afferma in una nota l’Unione Nazionale Consumatori, commentando i dati diffusi dall’Istat oggi.

Nel primo trimestre del 2022, l’indebitamento delle Amministrazioni pubbliche sul Pil si è marcatamente ridotto in termini tendenziali per il consistente aumento delle entrate, che ha più che compensato l’aumento delle uscite. Secondo quanto rileva l’Istat, la pressione fiscale si attesta al 38,4% del Pil, in aumento di 0,5 punti percentuali rispetto al primo trimestre del 2021. Complessivamente, nel primo trimestre del 2022, le Amministrazioni pubbliche hanno registrato un indebitamento netto pari al -9% del Pil, in miglioramento rispetto al -12,8% del corrispondente periodo del 2021.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La sanità diventa sempre più privata. È così che useremo i soldi del Pnrr?

next
Articolo Successivo

Mercati, euro in calo sul dollaro, ai minimi da 20 anni. La parità non è lontana, in un anno la valuta europea ha perso il 13%

next