Un vasto incendio si è sviluppato all’interno della corte che delimita l’ospedale “Giovanni Paolo II” di Sciacca, vicino ad Agrigento, in Sicilia. Le fiamme stanno lambendo l’ingresso posteriore della struttura. I vigili del fuoco sono al lavoro nel tentativo di domare il fronte del fuoco.

Dopo alcune ore, il fuoco è stato domato. Sono ancora in corso verifiche di eventuali focolai residui. Il rogo, alimentato dalle elevatissime temperature, ha bruciato le sterpaglie che si trovano attorno alla zona, lambendo l’ingresso posteriore della struttura e causando apprensione tra pazienti e personale sanitario. Non è stato comunque necessario ricorrere all’evacuazione dei locali del complesso ospedaliero. Per tutta la durata delle operazioni di spegnimento la situazione è rimasta sotto controllo. Le fiamme si sono avvicinate anche all’autoparco delle autolinee “Salvatore Lumia”, situato proprio vicino l’ospedale. Non si registrano fino ad ora danni. Al momento è ancora ignota l’origine dell’incendio.

“È andata bene questa volta, l’intervento tempestivo ha scongiurato il peggio, le fiamme si stavano rapidamente propagando”, ha commentato Fabio Termine, sindaco di Sciacca. Le indagini chiariranno se il rogo ha natura dolosa. “È ancora presto per dirlo – conclude Termine -. Sicuramente negli ultimi giorni abbiamo registrato tantissimi incendi, anche grazie alle temperature elevatissime. La fortuna questa volta è che si è arrivati in tempo, scongiurando una tragedia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo sfogo della sorella di Erica Campagnaro, dispersa sulla Marmolada: “Perché nessuno ha messo un avviso e fermato le persone?”

next
Articolo Successivo

Marmolada, Fugatti: “Bandiere rosse come al mare”. La sopravvissuta: “Nessuno ci ha detto dei pericoli. Io salva per pochi centimetri”

next