“No”. Ha risposto in una sillaba il premier Mario Draghi, in conferenza stampa a Bruxelles dopo il Consiglio europeo, a chi gli ha chiesto se reputasse necessario un rimpasto della squadra di governo dopo la scissione del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, dal Movimento 5 Stelle. E non importa che uno dei membri più importanti del suo governo, insieme a cinque sottosegretari, abbia fondato un nuovo partito, né che l’azionista di maggioranza della coalizione non sia più il M5S ma la Lega. “Pensa che il suo mandato sia più forte o più debole?”, incalzano i cronisti. Lui, serafico: “Mi sento con lo stesso mandato“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte a Otto e mezzo rimane coerente, ma non riesce a bucare lo schermo

next
Articolo Successivo

Il disagio dei senatori per la Ragioneria dello Stato, Casellati scrive a Draghi: “Obbligati a soggiacere a inappellabili decisioni”

next