La siccità sta avendo conseguenze non solo su agricoltura e consumi domestici in diversi comuni del Nord Italia, ma anche sulla produzione di energia elettrica. La situazione è particolarmente critica lungo il Po, dove la centrale idroelettrica di Isola Serafini, in provincia di Piacenza, gestita da Enel Green Power, non è l’unica a essere stata spenta, in questo caso perché non si riuscivano più ad alimentare le turbine che generano elettricità. Spento è anche l’impianto di Sermide, in provincia di Mantova, gestito da A2A, una centrale termoelettrica: l’elettricità viene prodotta bruciando gas, ma c’è bisogno di acqua per il raffreddamento degli impianti. Sempre per la secca del fiume non lavorano a pieno regime le centrali termoelettriche di Ostiglia (in provincia di Mantova, gestita da EP Produzione) e di Moncalieri (vicino a Torino, del gruppo Iren): entrambe, in base a quanto riportato dalla transparency platform del sito di Entso-E, l’associazione europea dei gestori di rete, hanno fermato uno dei gruppi di generazione. Ci sono poi le centinaia di micro e mini centrali idroelettriche lungo i canali di irrigazione alimentati dal Po: “Il 90% è fermo a causa della scarsità d’acqua”, dice Marco Gardella, funzionario tecnico dell’Autorità di bacino distrettuale del fiume Po. Si tratta di centraline, di solito gestite da piccole società o dai consorzi di bonifica, che producono potenze sotto i 250 kilowatt. Il Po in questi giorni ha pochissima acqua: “A Pontelagoscuro, sezione di chiusura dell’intero bacino padano, la portata in questo momento è di appena 177 metri cubi al secondo – spiega Gardella –. Molto meno della portata media, di 1.800 mc al secondo. Un record negativo, se pensiamo che siamo solo a giugno. Questa crisi idrica non si risolverà nel breve periodo”.

Sia le centraline lungo i canali irrigui sia la centrale idroelettrica di Isola Serafini sono centrali ad acqua fluente: “Questi impianti utilizzano la portata del corso d’acqua dalla quale viene sottratta una portata di deflusso ecologico che deve essere rilasciata a valle per garantire le funzioni vitali dell’ecosistema fluviale – spiega Marco Mancini, docente di Costruzioni idrauliche al Politecnico di Milano -. Questi impianti risentono pertanto in modo diretto della carenza idrica”. Altro tipo di impianti idroelettrici sono le centrali a bacino, cioè dotate di un serbatoio realizzato grazie a una diga: “Queste centrali – dice il professore – hanno una maggiore resilienza rispetto ai fenomeni di scarsità idrica perché possono contare sulla riserva d’acqua del lago, che sopperisce a una carenza idrica momentanea. Questa capacità di resilienza viene comunque messa in crisi dal perdurare di periodi di siccità e dall’elevata richiesta dell’utenza”. È quanto sta già succedendo nei bacini montani attorno al Po, dove ci sono diverse centrali idroelettriche con serbatoio. “I dati puntuali ci restituiscono un quadro sconfortante – dice Gardella dell’Autorità di bacino -. Sappiamo che stanno producendo ai minimi degli ultimi vent’anni ed è probabile che alcune siano spente”.

La carenza di acqua non si fa sentire solo lungo il Po. Anche dove per il momento non si è arrivati a fermare le centrali, la produzione di energia elettrica è inferiore al solito. Come in Liguria, dove Tirreno Power è il primo gestore di impianti idroelettrici, con una capacità complessiva, tra centrali ad acqua fluente e a bacino, di circa 75 MW: “La nostra produzione 2022 (gennaio-maggio) è pari a circa il 24% della media decennale – dicono dalla società -. Nell’ambito della regione, le condizioni di riduzione della produzione a causa della siccità sono piuttosto variegate. Ad esempio, gli impianti sul Bormida (sub-affluente del Po in area Savona/Alessandria) hanno avuto una produzione del 10% rispetto alla media decennale mentre gli impianti del levante ligure sono circa al 40%. Considerando la produzione di questi ultimi giorni, nel mese di giugno siamo al 20-25% del livello medio riferito allo stesso periodo”. Produzione ridotta anche in Val d’Aosta, dove la Compagnia Valdostana delle Acque gestisce 32 impianti idroelettrici: “La produzione delle nostre centrali idroelettriche – fanno sapere da Cva – si attesta a valori pari a circa il 25% al di sotto del budget, soprattutto a causa delle scarse precipitazioni nevose dello scorso inverno”.

La carenza di acqua, come detto, sta creando problemi non solo alle centrali idroelettriche, ma anche a quelle termoelettriche. Nel caso in cui questi impianti siano lungo un fiume, il raffreddamento avviene grazie a una pompa che preleva acqua, la fa passare per una serpentina di raffreddamento e la scarica più a valle nel corso d’acqua. Perché le pompe possano prelevare acqua, i loro imbocchi devono essere immersi. Se il livello del fiume è troppo basso, il rischio è che non si riesca a pescare l’acqua necessaria per il raffreddamento. È quello che è successo a Sermide e, in parte, a Ostiglia e Moncalieri.

Twitter: @gigi_gno

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima, il Parlamento Ue trova l’accordo sulla riforma delle quote di emissione. Ma è al ribasso: nel 2030 ancora 313 milioni di permessi gratuiti alle industrie inquinanti

next
Articolo Successivo

Siccità, sul Po barche in secca e ruspe in azione per dragare il fiume: il video dal Pavese

next