Lo scorso marzo, a causa dello scoppio della guerra in Ucraina, Ikea aveva annunciato una pausa delle sue operazioni in Russia e Bielorussia. A tre mesi e mezzo dall’invasione russa, il colosso dell’arredamento scandinavo ha deciso di “entrare in una nuova fase per ridimensionare ulteriormente il suo business“. In altre parole, venderà tutti e quattro gli stabilimenti dislocati nel Paese governato da Vladimir Putin.

Sono passati 112 giorni dall’inizio del conflitto e – si legge nel comunicato di Ikea – “le circostanze non sono migliorate e la guerra devastante continua”. “Le attività e le catene di approvvigionamento in tutto il mondo – prosegue – sono state pesantemente colpite e non vediamo la possibilità di riprendere le operazioni in tempi brevi”. La situazione dunque ha spinto la multinazionale a optare per il blocco delle attività di vendita al dettaglio in Russia e Bielorussia e alla riduzione della forza lavoro: questo “significa che molti lavoratori saranno colpiti”. “Per sostenere il processo di ridimensionamento – spiega la nota – il Gruppo Ingka prevede di vendere le scorte di mobili per la casa in Russia”. Inoltre, il gruppo cercherà una nuova proprietà per tutti e quattro gli stabilimenti. La decisione assunta dall’azienda, infine, causerà l’interruzione delle importazione e delle esportazioni dei prodotti di arredamento da e verso Mosca e Minsk, e nelle due capitali chiuderanno definitivamente gli uffici di acquisti e logistica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Brasile, due pescatori confessano l’omicidio di un giornalista del Guardian e di un ricercatore in Amazzonia. Indagavano sulla pesca illegale

next