Una donna di 90 anni e la figlia di 60 sono state aggredite senza motivo, a Jesi, in provincia di Ancona, mentre raccoglievano i pomodori in un campo. Il responsabile delle violenze è un diciottenne che – descritto come fuori di sé – secondo il racconto delle due vittime ha scavalcato una recinzione e ha prima colpito a ripetizione con calci e pugni l’anziana, poi si è scagliato contro la figlia della novantenne accorsa per soccorrere la madre. Il giovane è poi fuggito scavalcando le reti. Le due donne sono state ricoverate all’ospedale e in particolare l’anziana ne avrà per 60 giorni per le gravi ferite subite (la figlia ha avuto invece una prognosi di 10 giorni). Sul caso hanno indagato i carabinieri e alla fine il ragazzo si è presentato in caserma spontaneamente, accompagnato dal padre. Ora è indagato a piede a libero per violazione di domicilio e lesioni aggravate. Su di lui il pm di Ancona Paolo Gubinelli ha aperto un fascicolo. Il ragazzo era ubriaco dopo un pranzo per la fine dell’anno scolastico e questa condizione avrebbe “innescato” altre problematiche di natura psicologica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Varese, fatture false e prestiti con tassi di interesse al 120%: arrestate cinque persone. Le intercettazioni della Finanza: “Lo devi tenere legato”

next
Articolo Successivo

Incinta al sesto mese fugge dall’Ucraina e guida per 20 ore per partorire in un posto sicuro: Maxim nasce a Foligno

next