Collegato con Mario Portanova (Fq Millennium) e Giuseppe Pipitone (autore del podcast Mattanza), Giovanni Paparcuri, storico consulente informatico del pool antimafia e oggi anima del museo Falcone Borsellino, ha ricordato il momento in cui ha rinvenuto un particolare appunto tra le carte di Falcone: “Il giorno in cui morì Totò Riina dovevo fare un post per i social. Così mi sono messo a cercare tra le carte di Falcone per trovare una sua riflessione da riportare – racconta Paparcuri – così mi sono imbattuto nelle agende cartacee con gli appunti degli interrogatori del collaboratore di giustizia Francesco Marino Mannoia. In questi appunti c’erano segnati dei nomi noti… tra gli altri quello di Silvio Berlusoni che era sottolineato tre volte… io da buon soldato ho segnalato subito alla procura”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Dia perquisisce Report dopo il servizio su Capaci e Delle Chiaie: “Verifiche su genuinità delle fonti”. Ranucci: “Sequestrati pc e telefoni”

next
Articolo Successivo

“Andreotti è vicino ai mafiosi”: il rapporto Usa nove mesi prima dell’avviso di garanzia

next