Continua ad essere alimentata la colata lavica che ha avuto origine da una nuova bocca effusiva che si è aperta sul fianco settentrionale del cratere di sud-est dell’Etna, avvenuta nella serata del 12 maggio. A ormai quasi una settimana, la colata nelle ultime ore è apparsa maggiormente alimentata rispetto ai giorni precedenti. La lava si riversa in direzione est-nordest verso la Valle del Leone ed è giunta a una quota di circa 2300 metri, spiegano gli esperti dell’Ingv. La bocca si è aperta a quota 3250 metri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Foggia, il video dell’omicidio di Alessandro Scrocco: ucciso con quattro colpi di fucile davanti al carcere

next
Articolo Successivo

L’Aquila, auto sfonda il recinto di un asilo e piomba sui bambini. Un bimbo di 4 anni morto. Tre trasferiti a Roma: due in prognosi riservata

next