A Roma trionfa Novak Djokovic. La stella serba si è aggiudicato per la sesta volta in carriera gli Internazionali di tennis liquidando la pratica Stefanos Tsitsipas in due set con un 6-0 7-6. Il greco, numero 5 nel ranking, ha dovuto cedere al campione di Belgrado dopo 1 ora e 36 minuti di gioco. “Sono piacevolmente sorpreso di me stesso, ho giocato un primo set perfetto – ha commentato Djokovic al termine del match – Ero un po’ teso all’inizio del secondo e due punti possono far girare la partita. Si poteva facilmente andare al terzo set ma ho trovato i giusti colpi e il giusto tempo. Penso di essere stato al tie break un centimetro migliore di lui. È bello arrivare ora al Roland Garros forte di questo successo”.

Djokovic alza il trofeo e porta a casa anche la vittoria numero 1001 della sua carriera, dopo i festeggiamenti per aver raggiunto quota mille in semifinale. “Se sono tornato? Due giorni fa ho giocato alla grande e nelle ultime due settimane il livello di forma è salito – ha aggiunto – Questo campo è sempre stato molto speciale per me, mi ha dato fiducia e gioia, le emozioni positive per alzare il mio livello di forma in momenti in cui ero giù, la città dà una bella energia”.

E ha poi usato parole di stima nei confronti di Tsitsipas: “Mi voglio congratulare con un grande campione, non devi essere così umile perché sei un leader di questo sport”, ha detto rivolgendosi direttamente all’avversario. Infine un pensiero a suo figlio Stefan: “Quando oggi ho iniziato la finale lui giocava la sua prima partita di tennis, spero abbia vinto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Julio Velasco e la sua generazione di fenomeni: “Continuo a imparare ogni giorno, anche dal bidello che apre la palestra ai ragazzi”

next