Nel mese di marzo i tassi di interesse sui prestiti erogati alle famiglie per l’acquisto di abitazioni comprensivi delle spese accessorie (Tasso Annuale Effettivo Globale, TAEG) si sono collocati al 2,01 per cento contro l’1,85% di febbraio. Lo rende noto la Banca d’Italia nella pubblicazione ‘Banche e moneta”. Stabili invece all’8,06% i tassi sulle nuove erogazioni di credito al consumo.

I tassi sui mutui sono sui massimi da più di due anni e mezzo. Secondo i dati della Banca d’Italia, gli interessi sui prestiti alle famiglie per l’acquisto di abitazioni non salivano infatti sopra al 2% da agosto 2019, quando erano al 2,08%. Il costo dei prezzi per le abitazioni inizia insomma a risentire delle politiche più ristrettive delle banche centrali che riducono la quantità di denaro disponibile per i finanziamenti, tendenza destinata ad accentuarsi nei prossimi mesi. Le ultime rilevazioni di Banca d’Italia (pubblicate a marzo) sui valori delle abitazioni hanno evidenziato un ulteriore rafforzamento dei segnali di rialzo dei prezzi delle case sia nel quarto trimestre del 2021 sia nelle attese per il primo trimestre 2022.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il bitcoin si immerge sotto i 30mila dollari e poi rifiata. Dai picchi di novembre il valore della moneta digitale si è più che dimezzato

next
Articolo Successivo

Ita Airways, il ministro Franco “sgrida” il presidente Altavilla per la scarsa sobrietà. E aggiunge: “Esito vendita non scontato”

next