Mobvoi, brand conosciuto ed apprezzato per i suoi smartwatch, ha presentato qualche mese fa gli Earbuds ANC, un paio di auricolari bluetooth dotati di sistema di cancellazione dei rumori attiva con un rapporto qualità/prezzo che lascia assolutamente stupiti.

Un azzeccato design ovale delle cuffiette di gomma le rende comode a tal punto che difficilmente ci si renderà conto di averle nelle orecchie, offrendo contemporaneamente un’ottima stabilità anche durante l’attività fisica; proprio a proposito dell’attività fisica, gradita la certificazione IPX5 che non le mette di certo al sicuro da acqua di mare e immersioni, ma le protegge bene da pioggia e sudore. La custodia è di plastica, ma trasmette una buona solidità, nonostante il peso di soli 42 grammi, i due led, uno all’interno del coperchio e uno sotto la base, accanto alla porta usb-c, segnalano rispettivamente la connessione e il livello di carica.

Il pairing, una volta tolti gli Earbuds dal case, è immediato – viene utilizzato bluetooth 5.0 – e si possono collegare le cuffiette separatamente allo smartphone, vedendo cambiati in automatico i comandi touch nel caso decidessimo di tenerne una alloggiata all’interno della custodia, garantendo una connessione più stabile; parlando dell’ANC (cancellazione attiva del rumore) ci attestiamo in una buona qualità, non c’è sicuramente da aspettarsi un’eliminazione totale dei rumori ambientali, soprattutto in situazioni quali un viaggio in metropolitana, ma il microfono secondario esegue bene il proprio compito di riconoscere i rumori ambientali riducendoli a dovere.

La modalità silenziosa riduce infatti fino a 35 dB di rumore ambientale, ma si può comodamente attivare il passthrough per ricevere i rumori del traffico o disabilitare il tutto tramite il semplice tocco prolungato di uno dei due auricolari.
Con un driver da 13 mm e audio HiFi, la qualità del suono e delle chiamate è probabilmente tra il top per la fascia di prezzo nella quale ci troviamo: la voce arriva all’interlocutore chiara e limpida anche in situazioni abbastanza rumorose e la musica ha un ascolto appagante, con una buona gestione dei bassi; ottima l’autonomia che, a seconda della modalità di cancellazione del rumore usata – o non – si attesta sulle 5-7 ore di utilizzo continuo: durante la nostra prova il case ha ricaricato le cuffie 2 volte completamente, prima di necessitare di essere attaccata a una fonte elettrica, questo comporta una media di circa 20 ore totali.

La caratteristica che salta subito all’occhio delle cuffiette di Mobvoi è sicuramente l’assistente vocale richiamabile col comando “Ehi Tico”, comando al quale risponde in modo rapido e accurato; avremo inoltre a disposizione 6 comandi vocali immediati senza dover chiamare Tico coi quali gestire la musica a patto di servirci della lingua inglese, unico vocabolario conosciuto attualmente dagli auricolari: Play music, Stop music, Next song, Previous song, Volume up, Volume down

Dobbiamo dire che durante le prove il richiamo dell’assistente ha funzionato bene, così come i comandi play music, next song e stop music. I comandi previous song, volume up e volume down hanno invece richiesto qualche tentativo extra in più occasioni per essere accettati; benissimo invece i comandi touch che hanno sempre risposto senza alcun tipo di problema: Due tocchi per riprodurre o mettere in pausa la musica, tre tocchi sulla cuffia destra per saltare un brano, due tocchi all’arrivo di una chiamata per rispondere mentre tenere premuto 2 secondi per agganciare o rifiutare una chiamata, in ultimo tre tocchi sulla cuffia sinistra per richiamare l’assistente vocale.

Al di là dei comandi touch forse un po’ confusi, le Mobvoi Earbuds ANC sono sicuramente tra le migliori cuffie wireless sul mercato nella fascia di prezzo 50-60 euro; tenendo in considerazione il costo irrisorio per il tipo di prodotto facciamo davvero fatica a trovare un difetto degno di notta, ma se proprio dobbiamo cercare il pelo nell’uovo sarebbe ora di rinnovare l’app che gestisce i dispositivi Mobvoi, inutilmente complicata e poco funzionale. Fortunatamente per quanto riguarda gli earbuds non sarà obbligatorio usarla, ma è utile per avere sempre sotto controllo i livelli di carica e la lista di comandi touch e vocali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Smart City: i risultati della ricerca sulla percezione degli italiani sulla “città intelligente”

next
Articolo Successivo

Addio alle password, c’è l’accordo tra i tre colossi tech. Ci aspetta una dorata prigione digitale?

next