Un lungo corteo di oltre 20mila persone ha percorso oggi i 26 chilometri della storica Marcia per la pace tra Perugia e Assisi, in testa la consueta lunga bandiera arcobaleno accompagnata a quella dell’Ucraina: “Perché questa marcia straordinaria è dedicata soprattutto a loro, che tra le altre guerre in corso aggiunge il rischio dato dal coinvolgimento di una potenza nucleare come la Russia e il rischio di un escalation mondiale – spiega Flavio Lotti per la Tavola della Pace – è importante essere qui per chiedere ai governi di rimettere al centro la politica e la diplomazia, perché solo così si può arrivare a una pace giusta e durevole, e non con l’aumento delle spese militari e l’invio di armamenti come è stato fatto invano in questi ultimi anni, prima ancora dell’aggressione di Putin”.

Per il missionario comboniano padre Alex Zanotelli: “Chi sta vincendo in questi giorni sono le grandi industrie militari, dobbiamo chiedere con forza di fermare gli investimenti bellici e frenare l’escalation finché siamo in tempo, il rischio non è solo quello atomico ma anche le ripercussioni ambientali che questa guerra sta generando”. In marcia anche il segretario di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni e il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, la Rete Italiana Pace e Disarmo, l’Anpi, gli scout e diverse associazioni cattoliche e laiche: “Avanti costruttori di pace” è stato il saluto del custode del Sacro Convento di Assisi p. Marco Moroni, che proprio sulla piazza della Basilica ha visto i momenti conclusivi della giornata, con la condivisione del messaggio di saluto di Papa Francesco, del quale è la frase “Fermatevi, la guerra è una follia” che è stata presa come titolo dell’appello della Marcia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, 56.263 nuovi contagi e 79 decessi. Tasso di positività sale al 17,2%

next
Articolo Successivo

Torino, tensione alla fiaccolata per il 25 aprile: contestato consigliere che esponeva bandiera della Nato. A fine corteo bruciate quelle del Pd

next