Un’enorme quantità di meduse Rhizostoma pulmo ha invaso il mare davanti a Trieste. Si tratta di un fenomeno eccezionale che secondo i ricercatori sarebbe causato dal forte vento di bora che, rimescolando le acque, porta in superficie le meduse e le spinge verso la riva, creando così questo spettacolare effetto. Quello che colpisce è l’enorme quantità di esemplari, anche di grandi dimensioni, segno che l’aumento delle temperature potrebbe favorire una maggiore proliferazione e garantire un ciclo di sviluppo più lungo nel corso dell’anno. A parlare, nel video, è Valentina Tirelli, ricercatrice dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata mondiale della Terra, la prima priorità per il pianeta oggi è fermare la guerra

next
Articolo Successivo

È ora di chiedersi quali conseguenze avrà la guerra sulla transizione ecologica

next