Una spettacolare eclissi di Sole vista da Marte è stata ripresa dal rover Perseverance della Nasa: il video mostra con una definizione sbalorditiva il disco solare che in meno di un minuto viene attraversato dalla sagoma scura di Phobos, la piccola luna di Marte dalla forma irregolare. L’osservazione, condotta lo scorso 2 aprile, aiuterà a definire meglio l’orbita del satellite e come la sua forza di gravità influisce sul Pianeta Rosso modellandone la crosta e il mantello.

In passato la Nasa era già riuscita a documentare altre eclissi solari da Marte: nel 2004 i rover ‘gemelli’ Spirit e Opportunity avevano ripreso per la prima volta in time-lapse il passaggio di Phobos davanti al disco solare. In seguito anche Curiosity si era cimentato nell’impresa con la sua Mastcam.

Perseverance, dotato di una Mastcam di nuova generazione, è riuscito a riprendere il fenomeno producendo il video con il più alto numero di fotogrammi e a più alto ingrandimento. La nuova Mastcam-Z ha inoltre un filtro che agisce come un occhiale da sole per ridurre l’intensità della luce. In questo modo “puoi vedere i dettagli della sagoma di Phobos, come creste e protuberanze”, sottolinea Mark Lemmon, planetologo dello Space Science Institute a Boulder (Colorado) che ha orchestrato la maggior parte delle osservazioni di Phobos da parte dei rover marziani. “E’ possibile vedere anche le macchie solari. Ed è fantastico che si possa vedere l’eclissi esattamente come il rover l’ha vista da Marte”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Epatite acuta di origine sconosciuta nei bambini, partita indagine in tutti i centri italiani

next
Articolo Successivo

Covid, immunodepresso positivo per 505 giorni. Lo studio: “Possibile che le varianti si formino nei pazienti infetti per lunghi periodi”

next