L’Istat rivede al ribasso la prima stima sull’inflazione dello scorso marzo. Inizialmente indicata al 6,7% viene ora fissata dall’Istat al 6,5%, questo l’incremento medio dei prezzi rispetto al marzo 2021. In un solo mese, da febbraio a marzo, i prezzi sono saliti dell’1%- L’ “inflazione di fondo”, depurata dalle componenti più volatili come prezzi energetici e alimentari, accelera da +1,7% a +1,9% e quella al netto dei soli beni energetici da +2,1% a +2,5%. Il tasso acquisito per il 2022, vale a dire l’inflazione che si registrerebbe a fine anno in caso di variazioni nulle da qui a dicembre, è pari a +5,2% per l’indice generale e a +1,5% per la componente di fondo. Si conferma che a spingere con vigore l’indice sono i bene energetici, in un mese che incorpora già gli effetti della guerra in Ucraina. L’incremento della voce energia è stata di ben + 50,9% rispetto ad un anno fa. In particolare le bollette sono raddoppiate nel giro di un anno.

Forti incrementi anche per gli alimentari, in particolare i “non lavorati” (+ 8%). Il cosiddetto carrello della spesa, sotto indice che include i beni a più alta frequenza di acquisto come appunto alimentari oltre a prodotti per la casa e la cura della persona, che passa da 5,3 a 6,5%. Secondo Coldiretti la metà della famiglie italiane sta cambiando le sue abitudini di acquisti alimentare per fare fronte ai rincari. Catania è la città italiana che registra il tasso di inflazione più elevato raggiungendo l’8,1%. Seguono Bolzano (7,8%) e Messina (7,7%), mentre le variazioni tendenziali più contenute si registrano a Torino (5,6%) e Reggio Emilia (5,3%). A Roma l‘inflazione si colloca al 6%, a Milano all 6,1%, a Napoli al 6,5%. In generale la crescita dei prezzi accelera in tutte le ripartizioni geografiche ed è al di sopra del dato nazionale nelle Isole (da +6,8% di febbraio a +7,5%), nel Sud (da +6,0% a +6,7%) e nel Nord-Est (da +5,9% a +6,7%). Sono al di sotto della media nel Centro (da +5,6% a +6,1%) e nel Nord-Ovest (da +5,3% a +6,0%).

Confcommercio fa sapere che il su indicatore dei consumi ha registrato in marzo una risalita del 4,8% rispetto a marzo 2021, “frutto di una crescita del 44,8% per i servizi e di un calo del 3,9% per i beni. Rispetto allo stesso mese del 2019, però, la domanda, nel complesso, è ancora mediamente inferiore dell’11,8%, con i servizi legati al turismo che pagano una distanza percentuale rispetto ai livelli pre-crisi di oltre il 30%”. “I tempi per il completo recupero si dilatano: il traguardo deve essere posticipato a fine 2023”, si legge nella nota dell’azzociazione La tendenza al ridimensionamento della domanda è “confermata anche dai dati destagionalizzati, che segnalano, nel complesso del primo trimestre del 2022, una riduzione dello 0,9% rispetto all’ultimo quarto del ’21”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stop al gas russo, un’arma che può scoppiarci nelle mani: utile agli Usa, non farà finire la guerra

next
Articolo Successivo

Stellantis, il presidente francese Macron contro il super stipendio di Carlos Tavares : “Scioccante ed eccessivo”

next