I cittadini della città russa di Belgorod, al confine con l’Ucraina, hanno raccontato di una forte esplosione in un deposito militare avvenuta in serata vicino al villaggio di Krasny Oktyabr. Secondo il governatore regione, Vyacheslav Gladkov, che ha ativato il servizio di emergenza, non ci sono al momento notizie di morti o feriti tra i civili. Sui social network sono decine i video ripresi dai residenti, in cui si sentono i boati e si vedono le fiamme. Nei giorni scorsi, a Belgorod, un cappellano militare russo è stato ucciso da un attacco missilistico ucraino. Oleg Artyomov si trovava nel villaggio di Zhuravlyovka quando è finito “sotto un bombardamento da un lanciarazzi ucraino Smerch ed è morto” ha riferito il dipartimento militare del Patriarcato di Mosca sui social media. Quello del cappellano è stato il primo decesso in territorio russo causato dal fuoco ucraino reso pubblico da quando è iniziata l’offensiva russa in Ucraina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Profughi, l’Italia esclude i non ucraini dalla protezione Ue. Inutili gli appelli della Commissione, prevale la linea di Visegrad

next
Articolo Successivo

Guerra in Ucraina | La dipendenza tedesca dal gas russo, così ora la Germania critica l’eredità di Merkel: “Putin il suo più grande errore?”

next