Il presidente americano Joe Biden ha ribadito al presidente polacco Andrzej Duda che l’articolo 5 del Trattato Nord Atlantico, che regola i rapporti all’interno della Nato, “è sacro“. L’articolo in questione vincola gli stati membri alla difesa collettiva e verrebbe invocato nel caso in cui Mosca attacchi la Polonia che, da parte sua, ha dichiarato di avvertire un “grande senso di minaccia” per le presunte ambizioni di Mosca.

L’articolo 5 stabilisce infatti che “le parti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o nell’America settentrionale sarà considerato come un attacco diretto contro tutte le parti”. Di conseguenza, si legge, “se un tale attacco si producesse, ciascuna delle parti, nell’esercizio del diritto di legittima difesa, individuale o collettiva, assisterà la parte o le parti così attaccate intraprendendo immediatamente, individualmente e di concerto con le altre parti, l’azione che giudicherà necessaria, ivi compreso l’uso della forza armata, per ristabilire e mantenere la sicurezza nella regione dell’Atlantico settentrionale”.

È poi stabilito che ogni attacco armato del genere citato, insieme a tutte le misure che vengano prese di conseguenza, siano immediatamente portate a conoscenza del Consiglio di Sicurezza, che prenderà le misure necessarie per “ristabilire e mantenere la pace e la sicurezza internazionali”.

Ulteriori specifiche sull’argomento, si trovano nell’articolo 6 del trattato, dove si specifica che per “attacco armato contro una o più delle parti” si intende: un attacco armato contro il territorio di una di esse in Europa o nell’America settentrionale, contro i Dipartimenti francesi d’Algeria, contro il territorio della Turchia o contro le isole poste sotto la giurisdizione di una delle parti nella regione dell’Atlantico settentrionale a nord del Tropico del Cancro”.

Inoltre, è considerato un attacco armato del genere anche quello “contro le forze, le navi o gli aeromobili di una delle parti, che si trovino su questi territori o in qualsiasi altra regione d’Europa nella quale, alla data di entrata in vigore del Trattato, siano stazionate forze di occupazione di una delle parti, o che si trovino nel Mar Mediterraneo o nella regione dell’Atlantico settentrionale a nord del Tropico del Cancro, o al di sopra di essi”.

In foto: Joe Biden, a sinistra, e il presidente polacco Andrzej Duda si stringono la mano durante una cerimonia di benvenuto militare al Palazzo Presidenziale di Varsavia, sabato 26 marzo 2022.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Russia Ucraina, il presidente Usa Joe Biden dopo aver visitato un campo profughi a Varsavia: “Putin? Un macellaio”

next
Articolo Successivo

Ucraina, l’invio di cibo e vestiti è inefficiente. Meglio donare soldi a chi sa come utilizzarli

next