È morto a Roma per un malore, nella notte tra martedì e mercoledì, il giornalista Stefano Vespa. Fratello minore di Bruno, ha lavorato per anni a Panorama e al Tempo, dov’è stato caporedattore. Aveva 64 anni. “L’ultimo scambio di messaggi con Stefano è di pochi giorni fa”, ricorda il sottosegretario alla Difesa Giorgio Mulè, ex direttore di Panorama. “Mi chiedeva alcune precisazioni sul decreto legge sull’Ucraina. Nonostante l’età e l’esperienza il suo approccio era sempre quello del cronista: scrupoloso, attento al dettaglio. Era precisissimo, Stefano. La notizia della sua scomparsa mi raggela e rimanda la memoria al tempo in cui conobbi quel cronista prima di ritrovarlo a Panorama durante la mia direzione, nella quale lo volli capo della redazione romana. Stefano era un gentiluomo nei modi e un galantuomo nella professione. Era dolce, sensibile, riservato. Lo piango e mi stringo nel dolore ai suoi familiari e a chi gli volle bene”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Russia-Ucraina, Zelensky mostra Kiev di notte: “Io resto qui, non mi nascondo. Corridoi umanitari? Da Mosca cinismo e propaganda”

next
Articolo Successivo

La falsa propaganda di Putin fa danni incalcolabili

next