Il vaccino Nuvaxovid (Novavax) è incluso nel programma di vaccinazione anti-Covid attualmente solo per il ciclo primario, insieme ai vaccini già autorizzati per l’utilizzo nell’Unione Europea. Nuvaxovid viene somministrato per via intramuscolare (preferibilmente in regione deltoidea del braccio) come ciclo di due dosi (da 0,5 mL ciascuna) a distanza di tre settimane (21 giorni) l’una dall’altra. Sono le disposizioni contenute nella circolare del ministero della Salute ‘Indicazione di utilizzo del vaccino anti COVID-19 Nuvaxovid (Novavax) nei soggetti di età pari o superiore a 18 anni‘, firmata dal direttore Prevenzione del ministero Gianni Rezza.

In data 22 dicembre, si sottolinea nella circolare del ministero, la Commissione Tecnico Scientifica di Aifa, accogliendo il parere espresso dall’Agenzia europea dei medicinali (Ema), ha approvato l’indicazione di utilizzo del vaccino Nuvaxovid, nella specifica formulazione per iniezione da 0,5 mL/dose, a partire dai 18 anni di età. Ogni flaconcino multidose di Nuvaxovid è pari a 10 dosi da 0,5 mL, non richiede diluizione e pertanto è già pronto all’uso. Il flaconcino chiuso, conservato in frigorifero a una temperatura compresa tra 2 °C e 8 °C, ha una validità di 9 mesi. Il flaconcino chiuso, a temperatura ambiente fino a 25°C, è utilizzabile entro 12 ore. Dopo la prima perforazione, il flaconcino può essere conservato ad una temperatura compresa tra 2°C e 25°C ed è utilizzabile entro 6 ore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati – Oltre 60mila contagi in 24 ore: il tasso di positività scende al 9,9%. Altre 322 vittime

next
Articolo Successivo

Data di scadenza, quando un cibo è davvero “scaduto”? Olio, caffè, yogurt, legumi e pasta: la guida e i consigli dell’esperta per combattere lo spreco alimentare

next