Le varianti, compresa Omicron, almeno per sei mesi non riescono a bucare la protezione offerta dai linfociti T sviluppati dopo la vaccinazione. Ciò succede per tutti i vaccini disponibili. È quanto emerge da uno studio dei ricercatori del La Jolla Institute for Immunology, in collaborazione con il Policlinico San Martino di Genova e l’Università e pubblicato sulla rivista Cell. Analizzando le cellule T di persone vaccinate con quattro differenti vaccini, è stato osservato che la loro reattività a sei mesi è in media dell’87-90% rispetto a quella iniziale e scende all’84-85% contro Omicron, indipendentemente dal vaccino ricevuto. “L’immunità indotta dalle cellule T è duratura e significativa contro tutte le varianti e non viene ‘bucata’ neppure da Omicron”, spiega Gilberto Filaci, direttore dell’Unità di Bioterapie del Policlinico San Martino e tra gli autori dello studio. “È infine plausibile che il vaccino possa ‘frenare’ anche le future varianti”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Cdc: “La terza dose di vaccino comincia a perdere efficacia dopo 4 mesi”. La protezione da ricovero scende al 78%

next
Articolo Successivo

La prima spettacolare immagine del telescopio Ixpe: i resti di Cassiopea A, una stella esplosa nel XVII secolo

next